• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Cristian Brocchi su Roma, Inter e Verona

Cristian Brocchi su Roma, Inter e Verona

Calciomercato.it ha contattato in esclusiva l'ex centrocampista fra gli altri di Inter, Milan e Lazio


Bandiera giallorossa (Getty Images)
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

07/10/2013 17:45

SERIE A ESCLUSIVO BROCCHI / ROMA - Comanda la Roma. La compagine del sergente Garcia ha schiantato la resistenza dell'Inter nell'ultimo weekend della massima serie, collezionado il settimo hurrà stagionale in altrettante gare. Dietro, ad inseguire, non mollano la presa Napoli e Juventus, quest'ultima costretta all'annesima rimonta nel posticipo di lusso contro il Milan. Per parlare dell'ultimo turno di campionato, la redazione di Calciomercato.it ha contattato in esclusiva Cristian Brocchi, l'ex centrocampista che ha chiuso la carriera lo scorso maggio con la maglia della Lazio.

SUPER ROMA - "La delusione del derby di Coppa Italia perso contro la Lazio ha dato un'ulteriore motivazione ai giallorossi, feriti nell'orgoglio e assetati di riscatto. Garcia ha toccato le corde giuste, ha avuto un grande impatto con il calcio italiano, dimostrando di essere un allenatore di spessore - ha spiegato Brocchi in esclusiva a Calciomercato.it - Totti? Non mi stupisce, ha sempre fatto la differenza e continuerà a farla. Però il vero segreto di questa Roma è il gruppo, il collettivo. Scudetto? E' ancora presto per dare dei giudizi definitivi. Siamo solo alla settima giornata di campionato, anche le altre squadre potrebbero inanellare in futuro una lunga serie di risultati positivi".

INSEGUITRICI - "La Juventus rimane la favorita, malgrado queste piccole difficoltà iniziali. Quest'anno ha sbagliato soltanto un paio di partite, alcune critiche mi sembrano veramente accessive. La formazione di Conte rimane ancora una spanna sopra le altre in chiave scudetto. La squadra che mi ha stupito maggiormente, tra le grandi, è comunque il Napoli - ha proseguito l'ex centrocampista in esclusiva intervenendo ai nostir microfoni - Non pensavo che Benitez riuscisse a gestire così bene il post-Mazzarri e una partenza dolorosa come quella di Cavani. Ha trasmesso subito una mentalità vincente al gruppo, mettendo al centro del progetto un giocatore fondamentale come Hamsik. Fiorentina e Lazio? Hanno commesso dei passi falsi, però c'è ancora tutto il tempo per recuperare il terreno perduto. Sono due squadre di valore, sicuramente risaliranno la china e reciteranno un ruolo di primo piano in questa stagione".

MORATTI E MAZZARRI - "E' difficile da accettare l'addio di Moratti, è un'icona dell'Inter per la passione e la voglia che ha messo al servizio della squadra e dei tifosi. Thohir porterà qualcosa di nuovo, di affascinante, magari regalando qualche campione di caratura internazionale al popolo nerazzurro - ha sottolineato l'attuale tecnico degli Allievi Regionali del Milan in esclusiva a Calciomercato.it - Mazzarri? E' un grande allenatore, la squadra ha già recepito le sue direttive. Si vede la sua impronta: è la guida giusta per riportare in alto l'Inter".

SORPRESA VERONA - "Il Verona è un ottima squadra, sta impressionando un po' tutti, è finora la rivelazione più bella del campionato. Di questo passo raggiungerà una comoda salvezza, magari spingendosi anche più in alto in classifica - ha concluso in esclusiva ai nostri microfoni Brocchi, che ha indossato dal 1998 al 2000 la maglia degli scaligeri - Verona è una piazza importante e con un pubblico molto passionale: merita di essere protagonista nella massima serie".




Commenta con Facebook