• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Cristian Brocchi su Inzaghi e Seedorf

Cristian Brocchi su Inzaghi e Seedorf

L'ex centrocampista rossonero e' intervenuto in esclusiva ai microfoni di Calciomercato.it


Filippo Inzaghi (Getty Images)
Giorgio Musso (Twitter: @GiokerMusso)

07/10/2013 17:08

CALCIOMERCATO MILAN ESCLUSIVO BROCCHI / ROMA - Milan in caduta libera. Altra notte da dimenticare per la truppa del 'pericolante' Allegri, ko domenica sera nel big-match di Torino al cospetto di una non irresistibile Juventus. Il distacco dal vertice della classifica diventa già pesante, con il tecnico toscano finito nuovamente sul banco degli imputati dopo le tre reti incassate allo 'Stadium'. Per analizzare il periodo delicato del 'Diavolo', la redazione di Calciomercato.it ha contattato in esclusiva Cristian Brocchi, ex centrocampista e attuale allenatore degli Allievi Regionali del club rossonero.

FUTURO ALLEGRI - "Nessuno è intoccabile, quando alleni una grande squadra devi sempre convivere con tante pressioni e responsabilità. Lui è un ottimo allenatore e lo ha dimostrato negli ultimi anni alla guida del Milan. E poi anche la società, nella figura di Galliani, lo ha sempre difeso e protetto - ha sottolineato Brocchi in esclusiva a Calciomercato.it - Seedorf e Inzaghi? Sarebbero delle ipotesi suggestive qualora, a giugno, Allegri non dovesse rinnovare il contratto con la società. Per un ex giocatore del Milan sarebbe il massimo allenare la prima squadra: conosci già l'ambiente, sei parte di una grande famiglia, sai quali obiettivi devi raggiungere. Se il club dovesse fare un altro tipo di scelta, invece, sicuramente arriverà un tecnico con più esperienza e di spessore internazionale".

JUVENTUS-MILAN - "Il Milan per un'ora ha tenuto il ritmo della Juventus, non ha demeritato. Ha giocato una partita attenta e di sostanza, spaventando in diverse occasioni la retroguardia avversaria. Poi è uscita fuori la maggior qualità dei bianconeri, trascinati da un Pirlo in serata di grazia e letale sui calci piazzati - ha proseguito l'ex centrocampista in esclusiva alla nostra redazione - Anche gli episodi hanno deciso la contesa: in questo periodo manca anche un pizzico di fortuna alla squadra di Allegri. Ma appena il tecnico recupererà tutti gli infortunati, le cose sicuramente cambieranno in positivo per il Milan".

PARTENZA LENTA - "Il Milan ha sempre una partenza lenta, ormai è una situazione che si ripete nel corso degli anni. In seguito, poi, l'undici rossonero ci ha abituati a delle grandi cavalcate, terminate come l'anno scorso con la qualificazione al fotofinish per un posto in Champions League. Questa è una caratteristica della preparazione di Allegri: sono sicuro che le prestazioni e le vittorie arriveranno presto - ha concluso Brocchi parlando in esclusiva a Calciomercato.it - Il Milan può ancora dire la sua in questo campionato e agganciare le squadre di vertice".




Commenta con Facebook