• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-LIVORNO

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-LIVORNO

Gli azzurri dilagano grazie ad uno straordinario Mertens, ospiti mai in partita


Goran Pandev (Getty Images)
AntonioPapa (Twitter: @antoniopapapapa)

06/10/2013 17:00

PAGELLE E TABELLINO DI NAPOLI-LIVORNO / LIVORNO - Tutto facile per il Napoli, che sblocca la partita dopo pochi minuti e poi gestisce alla grande il vantaggio, giocando sul velluto e portando a casa una vittoria convincente. Sugli scudi Mertens e Pandev, ma è l'intera squadra a girare alla perfezione. Livorno annichilito e senza possibilità di reagire. 


NAPOLI

Reina 6 - Impegnato poco e male, praticamente non si sporca i guanti.

Mesto 6 - Oggi si limita a contenere le scorribande di Mbaye, senza prodigarsi troppo in fase di appoggio, ché li davanti fanno un lavoro egregio.

Fernandez 6,5 - Sicuro nelle chiusure, anche in seconda battuta, l'impegno non è dei più probanti ma è comunque più valido del Sassuolo, quando a far saltare il banco fu Cannavaro, non lui. A questo punto aspettiamo di vederlo all'opera al fianco di Albiol.

Britos 6,5 - Decisamente meglio rispetto alle disastrose uscite di Champions, riesce a tenere botta con sicurezza invidiabile nonostante una piccola amnesia nel primo tempo, fortunatamente senza danni.

 
Armero 6,5 - Con Schiattarella è un bel duello, vinto brillantemente dal colombiano, che spinge poco ma in fase difensiva dimostra progressi notevoli. Bene così.

Behrami 7 - Quando sta bene gli avversari possono essere anche tre, la palla la prenderà sempre lui. Semplicemente indispensabile.

Inler 7 - Ordine e geometria in mezzo al campo, come ormai riesce a fare con sempre più continuità. Poi quel gol in "collaborazione" con Bardi che chiude la partita.

Callejon 7 - E' il complemento perfetto per gli altri attaccanti a disposizione di Benitez: lui si esalta quando gli altri gli aprono gli spazi, tant'è vero che va a bersaglio quasi sempre quando gli avversari porgono il fianco. Sono già 4 in questo campionato, la sensazione è che ne farà altri ancora.

Hamsik 7 - Con Mertens e Pandev a prendersi la scena lui si "limita" a fare il lavoro sporco, raccordando il centrocampo e l'attacco come da abitudine. Il punto alla partita però lo mette lui, con il tap-in vincente del 4-0. Leader silenzioso. (Dal 39' st Bariti sv)

Mertens 8 - Ha l'occasione buona per dimostrare a Benitez di che pasta è fatto, e non la fallisce: discesa strepitosa palla al piede con assist a Pandev per l'1-0, altra sortita con appoggio ad Inler per il raddoppio. Poi continua a dispensare calcio in gemme, mandando in crisi la difesa livornese.

Pandev 7,5 - Critiche impietose su di lui dopo la partita con l'Arsenal, dove aveva pagato anche i pochi rifornimenti dalle retrovie. Oggi si riscatta: gol al primo colpo, tantissimo movimento sia in orizzontale che in verticale e difesa in crisi. Chiude in bellezza con l'assist a Callejon. Più che come alternativa a Higuaìn è perfetto come variante tattica.

All. Benitez 7,5 - Perché il Livorno visto finora era una squadra niente male, tutt'altro che materasso. Lui prende Nicola e lo stritola nella morsa di un attacco stratosferico, che quando è in palla potrebbe far male a chiunque. Soprattutto stupisce l'enorme varietà di soluzioni tattiche dalla cintola in giù. Se Roma ha chiamato, Napoli ha sicuramente risposto. A gran voce.  


LIVORNO 

Bardi 4,5 - Un paratone su Mertens nella ripresa, il resto è disastro: quattro gol, uno dei quali porta in calce la sua firma. La coda di una difesa tutt'altro che stabile.

Coda 4,5 - Parte sul centro-destra, giusto in tempo per beccare il gol da Pandev,  finisce sul centro-sinistra beccandone altri due. Giornata da incubo.

Rinaudo 4,5 - Torna nel San Paolo che lo ha ripudiato fin dal primo minuto, uno stadio che ha visto da spettatore per diversi anni. Il risultato non è per nulla lusinghiero. Preso d'infilata fra gli scatenati folletti azzurri.

Ceccherini 5 - Il meno peggio del reparto arretrato, ma non certo una prestazione da ricordare.

Schiattarella 5 - Anche a lui questo stadio avrà sicuramente fatto un effetto particolare. Forse per questo non si vede quasi mai, finendo inevitabilmente schacciato dal dirimpettaio Armero.

Luci 5 - Il capitano affonda con la nave, ma non oggi, visto che lascia il campo sul 3-0. Senza lasciare minimamente il segno. (Dal 20' st Siligardi sv)

Duncan 5 - Si piazza a vertice basso del centrocampo, con il compito di contenere Hamsik, ma lo subisce senza soluzione di continuità.

Greco 4,5 - Dovrebbe essere l'uomo della svolta, con quel movimento ad elastico fra centrocampo e attacco. Finisce per sbagliare anche le cose più elementari. (Dal 7' st Piccini 5 - Ben pochi elementi per valutarlo: si piazza su Mertens quando l'olandese ha già fatto il suo, poi francobolla Insigne, comunque non benissimo).

Mbaye 5,5 - Come Schiattarella, giusto con un pizzico di verve in più.

Emeghara 5,5 - L'unico a mettersi più in mostra nel primo tempo, quando all'unica occasione buona scheggia il palo con un missile dalla distanza. Poi esce, quando era già ampiamente scomparso dai radar. (Dal 25' st Belinghieri sv)

Paulinho 5 - Lì davanti urla e sbraita, ma di pallone comunque non riesce a prenderne neanche uno, finendo stritolato dalla coppia Fernandez-Britos. Giornata storta.

All. Nicola 4,5 - Ci prova col 3-4-1-2, con risultati sconcertanti. Poi rinforza il centrocampo sperando di limitare i danni (togliendo Emeghara, il meno peggio) e il Napoli dilaga. Come cercare di tirare l'acqua che entra nella nave con un bicchiere. Ma di quelli da caffè.

Arbitro Bergonzi 6 - Probabilmente gli arbitri sperano sempre nelle goleade, perché gli episodi da moviola sono di meno e possono uscire dal campo limitando i danni. Questo è uno di quei casi. 



NAPOLI-LIVORNO 4-0 
Napoli (4-2-3-1): Reina; Mesto, Fernandez, Britos, Armero; Inler, Behrami; Callejon (68' Insigne), Hamsik (84' Bariti), Mertens; Pandev (77' Zapata). A disp.: Rafael, Colombo, Uvini, Cannavaro, Dzemaili. All.: Benitez

Livorno (3-5-2): Bardi; Rinaudo, Coda, Ceccherini; Schiattarella, Luci ( 65' Siligardi), Duncan, Greco (52' Piccini), Mbaye; Paulinho, Emeghara (69' Belinghieri). A disp.: Anania, Aldegani, Valentini, Gemiti, Emerson, Mosquera, Lambrughi, Benassi, Borja. All.: Nicola

ARBITRO: Bergonzi

MARCATORI: 3' Pandev (N), 26' Pandev (N), 54' Callejon (N), 83' Hamsik (N)

AMMONITI: Luci 61' (L), Rinaudo 90' (L)

 




Commenta con Facebook