• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Garcia: "Il calcio qui e' una malattia. De Rossi? E' stato di parola"

Roma, Garcia: "Il calcio qui e' una malattia. De Rossi? E' stato di parola"

Vi proponiamo alcuni passaggi dell'intervista pubblicata da 'L'Equipe'


Rudi Garcia (Getty Images)
Andrea Branco (twitter: @brancandre)

04/10/2013 12:38

RUDI GARCIA INTERVISTA EQUIPE / ROMA - 'L'Equipe' ha pubblicato questa mattina sulle proprie pagine una lunga intervista a Rudi Garcia, allenatore del momento almeno qui in Italia. Il portale 'romanews.eu' ha messo in evidenza i principali passaggi dell'intervista concessa dal tecnico della Roma.

ROMA DEPRESSA - "Sabatini mi disse subito, 'Ti ricevo ma non sceglieremo te'. L'ambizione degli americani mi ha stregato, vogliono fare della Roma uno dei più grandi club d'Europa. Quando sono arrivato ho trovato un ambiente depresso che ce l'aveva con i giocatori, una cosa che non mi è piaciuta. Capisco la frustrazione della gente, ma non so come ci si possa definire tifosi della Roma e poi insultare i propri calciatori. A Trigoria ho trovato difficoltà nel lavorare in modo riservato: chiunque poteva assistere agli allenamenti, ho dovuto proteggere la squadra. E tutti davano il loro consiglio su tutto, ho dovuto dire, ok, so io cosa c'è da fare. Non credevo di trovare un ambiente di questo tipo, è incredibile. Tutti mangiano, dormono e vivono di calcio. Si passa dall'esaltazione alla catastrofe in poco tempo a seconda dei risultati. La copertura dei media non ha niente a che vedere con la Francia: radio, giornali, stampa, parlano di Roma 24 ore su 24. Dopo le partite, c'è da fare un vero periplo. In Francia, con la stampa ci mettevo 10'. In Italia, un'ora. Orologio alla mano."


TOTTI E DE ROSSI - "Totti è un ragazzo normale pur essendo una leggenda vivente della Roma. De Rossi è uno dei migliori centrocampisti in Europa ed un ragazzo splendido. È romano, è di queste parti e quest'estate aveva intorno a lui l'interesse di grandi club. Gli ho detto che non potevo perderlo, si è imposto una data dopo la quale non si sarebbe più mosso dalla Roma. E così è stato... E' arrivata la prima di campionato, qualche giorno dopo il Manchester United ha chiamato la società, ha chiamato lui, ma la data è passata e lui non si è mosso".

OBIETTIVI E SCUDETTO - "È incredibile che qui si parli di scudetto dopo 4 giornate, non è ragionevole, vuol dire ingannare la gente. Il nostro obiettivo è quello di tornare in Europa la prossima stagione."

LEGGI ANCHE -Roma, Garcia: "Le favorite per lo Scudetto restano Juventus e Napoli"

LEGGI ANCHE - Calciomercato Roma, Rudi Garcia: "Ecco perche' ho lasciato il Lille"

 




Commenta con Facebook