• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Champions league > Euroavversari, SPECIALE Champions League: l'Ajax, tra passato e presente

Euroavversari, SPECIALE Champions League: l'Ajax, tra passato e presente

Ecco tutto cio' che c'e' da sapere sugli avversari del Milan nella massima manifestazione continentale


L'undici titolare dell'Ajax al Camp Nou (Getty Images)
Hervé Sacchi

01/10/2013 13:04

EUROAVVERSARI SPECIALE CHAMPIONS LEAGUE AJAX MILAN PRESENTAZIONE / AMSTERDAM (Olanda) - I tempi cambiano. L'Ajax ne è un esempio. Per carità, non è l'unica squadra ad aver fatto faville in tempi passati e ad essere, ora, solo una comprimaria in Europa. Certo è che la squadra di Amsterdam, negli ultimi anni, ha ambito solamente al palcoscenico nazionale. La Champions resta un miraggio, oramai da quel maggio del 1995 in cui proprio il Milan venne spazzato via da un gol di Kluivert nei minuti finali. E' l'ultimo ricordo indelebile nella mente dei 'Lancieri' che, nei due anni a seguire, dovettero capitolare prima in finale e poi in semifinale contro la Juventus. C'è sempre l'Italia di mezzo, quando c'è da spegnere le speranze sul nascere. Anche nella stagione 2002-2003, gli olandesi erano a 3' dalle semifinali quando un gol di Tomasson (il merito è da attribuire ad Inzaghi) permise al Milan di conseguire il passaggio del turno con un 3-2 che resta uno snodo chiave per la conquista della Champions League di Manchester.
Si è parlato di passato. L'Ajax di oggi è una squadra che continua a battere molto sul settore giovanile. Sfortunatamente per il club, i giovani hanno grosse ambizioni. Amsterdam assume i contorni di un trampolino di lancio, l'inizio di una corsa in cui l'Amsterdam Arena è solo la sede di partenza.

PUNTI DI FORZA - Nelle ultime righe si è parlato di motivazioni, prima grande risorsa di una rosa che, contro il Milan, vuole innanzitutto fare bella figura. Si è parlato di giovani e, di conseguenza, di gente che può vantare una certa gamba, altro elemento su cui i rossoneri faranno bene a riporre attenzione nei 90' di gara. Il 6-0 con cui i 'Lancieri' hanno schiantato i Go Ahead Eagles è da prendere con le dovute misure e, semmai, da bilanciare con il 4-0 incassato sia dal Psv Eindhoven che dal Barcellona. Altro elemento a favore dell'Ajax è il fattore campo, anche se l'Arena, negli ultimi anni, è diventata maggiormente terra di conquista. In campionato è un'altra storia: 4 vittorie su 4, con 13 gol segnati e solo 2 subiti.

PUNTI DEBOLI - Sebbene sia una presenza piuttosto fissa nelle coppe europee, il tasso di esperienza dell'Ajax è ancora al di sotto dell'asticella. In difesa, lascia piuttosto a desiderare. Solo nella prima e nell'ultima giornata di campionato non ha subito gol. Se appare ottima la coralità con cui organizza le manovre offensive, le ripartenze possono cogliere impreparata la squadra di de Boer.
 
CONFRONTI DIRETTI - Il bilancio delle vittorie in finale di Coppa Campioni è in parità. A quella del 1968-69 conseguita dai rossoneri, rispose nel 1995 l'Ajax. Altra finale, fu quella di Supercoppa europea nel 1973, che vide l'Ajax trionfare 6-0, dopo aver perso l'andata 0-1 a Milano. Le due squadre si sono affrontate in altre otto occasioni, in match di andata e ritorno: tre vittorie per entrambe le squadre e due pareggi. Ad Amsterdam, il Milan non perde dalla stagione 1994-95. Seguirono due pareggi (2002-03, 2010-11) e una vittoria rossonera (1-0 con rete di Shevchenko nel 2003-04).

LA FORMAZIONE - Nonostante i vari ricambi individuali, l'Ajax mantiene da sempre lo standard impostato sul 4-3-3. Un dogma, che si tramanda di generazione in generazione e che viene coltivato fin dalle selezioni giovanili. Anche de Boer persegue questa istituzione e prepara una formazione anti-Milan senza l'ex Bojan Krkic fermo per un problema muscolare rimediato nell'ultimo turno di campionato. Dentro l'islandese Sigthórsson, già cinque gol in otto gare per lui. Da capire, comunque, chi agirà sulla corsia offensiva destra. Nell'ultimo turno è stato promosso il giovane de Sa, il quale potrebbe essere confermato dopo la buona prestazione, premiata con il gol.

AJAX (4-3-3)
: Vermeer; van Rhijn, Moisander, Denswil, Boilesen; de Jong, Poulsen, Duarte; de Sa, Sigthórsson, Fischer.

UOMINI MERCATO - Tanti i giocatori interessanti nella rosa olandese. Da Viktor Fischer, già sul taccuino di Galliani, al terzino van Rhijn. Il capitano Siem de Jong è un altro giocatore capace di abbinare quantità e qualità. Ancora da scoprire il ventenne Davy Klaassen. Il solo Poulsen ha il contratto in scadenza nel 2014. Tutti gli altri giocatori sono blindati.




Commenta con Facebook