• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Francia > Doping, Ravanelli non ci sta: "I controlli sono normali ma certe cose non le accetto"

Doping, Ravanelli non ci sta: "I controlli sono normali ma certe cose non le accetto"

Il tecnico dell'Ajaccio risponde alle accuse piovute ieri


Fabrizio Ravanelli (Getty Images)

27/09/2013 09:20

DOPING RAVANELLI AJACCIO FRANCIA/ ROMA - Fabrizio Ravanelli non ci sta: dopo il polverone alzato dai controlli anti-doping ai quali sono stati sottoposti i suoi giocatori, il tecnico dell'Ajaccio si scaglia su chi prova ad infangare la sua immagine e quella del club corso: "I controlli per me sono cose normalissime - le parole di Ravanelli riportate da 'Il Corriere dello Sport' - più se ne fanno e megio è. Noi usiamo solamente integratori, sostanze lecite che si comprano al supermercato. I nostri allenamenti sono più duri degli altri, tutto qui". Ravanelli poi ci tiene a prendere le distanze su le accuse apparse su diversi giornali transalpini, tra i quali 'Le Figaro', che hanno riportato a galla diverse voci riguardanti il periodo in cui da giocatore ha militato nel Marsiglia: "Una parola che non voglio proprio sentire è cocaina. Io sono un atleta, credo nel calcio pulito, corro in bicicletta e certe cose non posso accettarle per me e per la mia famiglia".

 

 




Commenta con Facebook