• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Capello: "Ecco chi vedo in corsa per il titolo". E su Tevez, Balotelli e Higuain

Juventus, Capello: "Ecco chi vedo in corsa per il titolo". E su Tevez, Balotelli e Higuain...

Il Ct della Russia ha dato la sua opinione in un'intervista



23/09/2013 22:51

JUVENTUS CAPELLO RUSSIA INTERVISTA / MILANO - Intervistato da 'Fox Sports', il Ct della Russia Fabio Capello ha detto la sua sul campionato italiano: "Per me la Juventus è ancora la squadra da battere in campionato. Ma vedo in corsa per lo scudetto anche il Napoli. Tra Higuain e Cavani, meglio Higuain".

TEVEZ - "È un guerriero con qualità. Corre, ma sa segnare e fare assist. Trasmette energia alla squadra".

BALOTELLI - "Penso che la sua espulsione contro il Napoli sia derivata dall'amarezza per aver sbagliato il calcio di rigore. È migliorato come giocatore, ma sono d'accordo con Allegri, non si può parlare in questa maniera all'arbitro. Lui fa la differenza in certi momenti".

DI CANIO - "La sua esperienza sulla panchina del Sunderland è partita bene con la vittoria del derby, poi però si è perso. Credo che il rapporto con i giocatori sia fondamentale, i giocatori ti giudicano in ogni momento. I calciatori del Sunderland hanno affermato che Di Canio aveva con loro un comportamento dittatoriale. Penso stia lì il problema. Come giocatore Di Canio era un buon giocatore, non un cuor di leone, qualità che invece ha adesso da allenatore. Di Matteo lo vedrei molto bene al suo posto".

RONALDO - "È il giocatore più forte che abbia mai allenato, ancora più forte di Van Basten. Il suo talento era incredibile. Purtroppo io l'ho allenato a fine carriera, quando non aveva più la voglia di sacrificarsi. Faceva cose che gli altri non erano neanche in grado di pensare".

BARCELLONA - "In questo avvio di campionato mi lascia dei dubbi. È vero che vince sempre, ma uno dei migliori in campo è sempre il suo portiere. È una squadra troppo lunga, in campo non c'è un movimento compatto della squadra. Il Barcellona dovrà stare attento quando incontrerà squadre di pari livello".

A.C.

 




Commenta con Facebook