• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI CATANIA-PARMA

PAGELLE E TABELLINO DI CATANIA-PARMA

Spolli e Legrottaglie blindano la retroguardia etnea. Capitan Lucarelli trascina i ducali verso un prezioso pari


Biabiany e Monzon(Getty Images)
Giorgio Elia

22/09/2013 16:53

PAGELLE E TABELLINO DI CATANIA-PARMA/CATANIA - Allo stadio 'Massimino' Catania e Parma non vanno oltre il risultato di 0-0 nel match valido per la quarta giornata di campionato. Primo punto per la formazione di Maran, sempre alla ricerca di equilibri dopo gli addii pesanti in estate di Gomez e Lodi. Risultato positivo per la compagine di Donadoni che riscatta così in parte la pesante sconfitta del turno precedente rimediata contro la Roma. 

CATANIA

Andujar 6,5 - Chiude la porta in faccia ad Amauri nella ripresa, senza dovere poi compiere interventi di particolare entità.

Bellusci 6 - Stringe la sua posizione in fase di non possesso del pallone della sua squadra, regalando un paio di diagonali difensive decisive.

Legrottaglie 6,5 - Corpo a corpo costante quello con Amauri per l'esperto centrale etneo, che risponde colpo su colpo ai tentativi di offensiva della punta brasiliana.

Spolli 7 - Il vero leader di questa squadra lotta su ogni pallone, facendo ripartire anche l'azione della sua squadra con le sue uscite palla al piede dalla zona difensiva.

Alvarez 6 - Attento in fase difensiva assiste con poca costanza la sua squadra sulla fascia destra in fase di costruzione dell'azione di gioco.

Plasil 5,5 - Maran lo schiera con l'intento di regalare alla sua squadra un giocatore in grado di rendersi pericoloso in area di rigore avversaria con inserimenti senza palla, ma il nazionale ceco non risponde alle aspettative del suo tecnico riuscendo nella ripresa a distinguersi con una conclusione che per poco non regala i tre punti ala sua squadra.

Almiron 5,5 - Si alterna con Guarente nel far ripartire la manovra a centrocampo per la sua squadra, non riuscendo a scacciare comunque il fantasma di Lodi sempre rimpianto dai tifosi rossazzurri. Dal 64's.t. Boateng 6 - Regala vivacità al reparto offensivo della sua squadra, evidenziando grande personalità nel continuo tentativo nell'uno contro uno con il diretto avversario.

Guarente 5,5 - Lotta a centrocampo provando a regalare anche un contributo prezioso in termini di qualità nella zona nevralgica del campo, non riuscendo però nell'intento nonostante il grande impegno mostrato per tutta la durata della sua partita.

Monzon 5 - Continua a manifestare gravi difficoltà nell'adattamento al nostro campionato, soffrendo la velocità di Biabiany.

Barrientos 6 - Mai come in questa stagione il Catania pende dai suoi scarpini con l'argentino che abbassa spesso la sua posizione alla ricerca di palloni giocabili, regalado però spesso l'impressione di predicare nel deserto. Dal 88's.t. Keko s.v.

Bergessio 6 - Sfiora la rete in avvio di partita con un guizzo da attaccante d'area di rigore, venendo però ben controllato da Cassani. Lascia il campo nella parte finale della prima frazione di gioco per infortunio. Dal 34'p.t. Maxi Lopez 5 - Sempre ben controllato da Lucarelli non riesce a incidere in avanti, non sfruttando al meglio l'occasione capitatagli dopo l'infortunio a Bergessio.

Allenatore Maran 6 - La sua squadra evidenzia grani difficoltà nella costruzione della manovra offensiva, orfana degli spunti e delle qualità di Gomez e Lodi.

PARMA

Mirante 6 - Lavoro di ordinaria amministrazione per l'estremo difensore dei ducali.

Cassani 6 - Prosegue l'operazione adattamento per l'ex esterno destro difensivo che regala comunque buone indicazioni nella sua nuova posizione da centrale di destra della difesa a tre ducale.

Felipe 6,5 - L'ex Udinese si rende protagonista di un paio di chiusure difensive decisive, mostrando un buon feeling con i suoi compagni di reparto.

Lucarelli 7 - Posizionato al centro della linea difensiva a tre disegnata da Donadoni fa valere tutta la sua esperienza, guidando con autorità la retroguardia gialloblù.

Biabiany 6,5 - Si accende solo a tratti mettendo però in apprensione Monzon e l'intera retroguardia etnea quando sprinta verso l'area di rigore avversaria. Dal 80's.t. Rosi s.v.

Acquah 6 - Buona la sua azione in fase di interdizione, con l'ex Palermo che manifesta comunque i soliti limiti in fase di gestione della sfera di gioco.

Marchionni 6 - Sostituisce Valdes in cabina di regia prendendo confidenza con il suo nuovo ruolo con il passare dei minuti, riuscendo a dettare con efficacia i tempi di gioco della sua squadra.

Parolo 5,5 - Dotato di maggiore tecnica individuale rispetto ad Acquah non riesce a metterla al servizio per la propria squadra, facendosi notare solo per una conclusione imprecisa dalla distanza nella prima frazione di gioco. Dal 64's.t. Obi 6 - Tanto lavoro di contenimento per il giovane centrocampista di scuola Inter.

Gobbi 6 - Non riesce a spingere con la solita insistenza sulla fascia mancina impensierito anche dai movimenti di Plasil, offrendo comunque un contributo prezioso in appoggio a Felipe in fase difensiva.  

Cassano 5 - Quello del Massimino è il classico pomeriggio nel quale il barese fa saltare di gioia i tifosi avversari per la sua inefficacia, per una prestazione caratterizzata da imprecisioni e assenza di spunti. Il campo pesante sicuramente non lo aiuta ma da lui è lecito aspettarsi molto di più. Dal 45's.t. Palladino 5 - Ha il facile compito di riuscire a far meglio dell'inesistente Cassano, non riuscendo però a vivacizzare il reparto offensivo dei ducali.

Amauri 6,5 - Ingaggia un duello continuo con Spolli e Legrottaglie provando a creare dei varchi preziosi per Cassano, sfiorando la rete personale nella ripresa con una gran giocata culminata con la conclusione neutralizzata da Andujar.

Allenatore Donadoni 6 - La sua squadra paga maggiormente le condizioni del terreno di gioco ai limiti della praticabilità, riuscendo comunque a produrre più degli avversari nel corso della partita.

Arbitro  Mazzoleni 5,5 - Direzione di gara del fischietto di Bergamo segnata dall'episodio dubbio in area di rigore del Catania nel secondo tempo, con Bellusci che atterra Amauri a palla distante disinteressandosi della sfera di gioco e puntando esclusivamente all'ex punta del Palermo.

TABELLINO

CATANIA-PARMA 0-0

CATANIA (3-5-2): Andujar; Bellusci, Legrottaglie, Spolli; Alvarez, Plasil, Almiron(Boateng 64's.t.), Guarente, Monzon; Barrientos(Keko 88's.t.), Bergessio(Lopez 34'p.t.). A disp.: Frison, Ficara; Capuano, Biraghi, Gyomber, Rolin, Tachtsidis, Freire, Petkovic. All. Maran

PARMA (3-5-2): Mirante; Cassani, Felipe, Lucarelli; Biabiany(Rosi 80's.t.), Acquah, Marchionni, Parolo(Obi 64's.t.), Gobbi; Cassano(Palladino 45's.t.), Amauri. A disp.: Bajza, Pavarini; Benalouane, Mendes, Mesbah; Gargano, Munari, Sansone, Okaka. All. Donadoni

Arbitro: Mazzoleni

Ammoniti: Marchionni(P), Felipe(P), Cassani(P)




Commenta con Facebook