• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI CHIEVO-UDINESE

PAGELLE E TABELLINO DI CHIEVO-UDINESE

Pellissier trascina il Chievo alla vittoria contro l'Udinese, alla quale non basta un Di Natale a mezzo servizio


Sestu contro Lazzari (Getty Images)
Valerio Pantone

21/09/2013 20:41

PAGELLE E TABELLINO CHIEVO-UDINESE / VERONA - Il Chievo Verona centra la prima vittoria in campionato superando in rimonta l'Udinese. Dopo l’avvio shock dei clivensi, propiziato dal pasticcio tra Bernardini e Puggioni e sfruttato da Maicosuel, la squadra di Sannino reagisce sfornando una prestazione super, grazie al suo capitano Pellissier e a Rigoni, tra i migliori insieme a Radovanovic e Dramé. Per l'undici di Guidolin non basta l'apporto nella ripresa di Di Natale: tante le insufficienze a centrocampo, su tutte quelle di Lazzari e Badu, e sugli esterni, con Basta e Gabriel Silva, decisamente non in giornata.

 

CHIEVO

Puggioni 5,5 – Colpevole insieme a Bernardini dell’immediato vantaggio dell’Udinese: tardiva e completamente sbagliata l’uscita dell’estremo difensore clivense. Nel finale però rimedia neutralizzando un tiro a botta sicura di Di Natale.  

Frey 6,5 – Intraprendente nel primo tempo nel ruolo di fluidificante destro, si mostra ordinato ed attento nella ripresa quando è chiamato a coprire la sua zona di competenza. 

Bernardini 5 – Dopo appena 50 secondi si addormenta clamorosamente su un rinvio maldestro di Cesar, regalando di fatto la rete del vantaggio a Maicosuel. Il suo debutto in maglia gialloblu è macchiato purtroppo soltanto da quella grave indecisione.

Cesar 6,5 – Dal suo svarione nasce il pasticcio che propizia l’1-0 degli ospiti. Da quel momento in poi, però, non sbaglia più nulla. 

Dramé 7 – Il solito turbo instancabile sulla fascia sinistra, puntuale nelle sovrapposizioni e sempre insidioso con le sua parabole tagliate.

Sestu 6,5 – Spinge molto sull’out di destra costringendo Gabriel Silva ad abbassarsi sulla linea difensiva. Dal 74’ Hetemaj s.v.

Rigoni 7 – Padrone del centrocampo insieme a Radovanovic, realizza prima dell’intervallo la rete del 2-1 grazie anche alla decisiva deviazione involontaria di Danilo. Il giusto premio ad una partita perfetta.

Radovanovic 7 – Detta bene i tempi della manovra della squadra, risultando spesso efficace anche in fase di interdizione.

Estigarribia 5,5 – Timido nella prima mezz’ora di gioco, non riesce mai a cambiare passo come vorrebbe il suo allenatore. Ancora non al meglio della condizione rispetto ai suoi compagni di squadra.   

Paloschi 6,5 – Ha poche possibilità per battere a rete, ma cerca in tutti i modi di creare spazi per il suo partner d’attacco e spesso ci riesce alla grande. Dal 90’ Bentivoglio s.v.

Pellissier 7,5 – Sannino lo rilancia titolare al posto di Thereau e lui lo ripaga subito con un diagonale splendido che ripara lo shock iniziale. Fondamentale il contributo del bomber clivense, spesso molto utile anche in ripiegamento. Dal 88’ Thereau s.v. 

All. Sannino 7 – Dopo due sconfitte consecutive, voleva una risposta convincente dalla sua squadra, e questa risposta è arrivata. Nonostante lo scivolone iniziale, il Chievo reagisce alla grande ottenendo così la prima vittoria in questo campionato. Più che mai azzeccata, la scelta di preferire Pellissier al posto di Thereau.

 

UDINESE

Kelava 6,5 – Può fare ben poco sulle due marcature del Chievo, mentre salva in più di un’occasione la porta friulana. Una delle poche note positive per Guidolin, in attesa del rientro di Brkic.

Heurtaux 5,5 – Troppo statico e lento di fronte alla rapidità degli attaccanti di Sannino. 

Danilo 6 – Spesso in ritardo sul suo uomo di riferimento, Pellissier, prova a rimediare vestendo all’occorrenza i panni del regista. Alla fine, riesce a strappare almeno la sufficienza.

Bubnjic 5 – Mal posizionato in occasione della rete del pareggio di Pellissier, risulta spesso l’anello debole del pacchetto arretrato bianconero. Dal 80’ Zielinsky s.v. 

Basta 5,5 – La velocità di Dramè gli complica il pomeriggio del Bentegodi, anche perché poco supportato dai centrocampisti. Leggermente meglio nella ripresa quando si fa apprezzare per la traversa colta su un tiro dalla distanza.

Badu 5 – Come Lazzari, fatica ad entrare in partita e a contrastare le avanzate dei padroni di casa. Dal 63’ Pereyra 5,5 – Non incide sull’incontro, non trovando la giusta collocazione in campo. 

Allan 6 – Uno dei pochi a salvarsi in un primo tempo tutto di marca gialloblu. Recupera un paio di palloni interessanti, ma naviga nel buio. Da un suo errato disimpegno però nasce il momentaneo 2-1 del Chievo che macchia la sua buona prestazione.

Lazzari 4,5 – Quasi mai nel vivo del gioco, si fa segnalare soltanto per una conclusione velleitaria da fuori area. Senza dubbio il peggiore in campo. Dal 45’ Di Natale 6,5 – Il suo ingresso in campo cambia l’inerzia della partita e soprattutto la prestazione della formazione di Guidolin: i suoi scambi con Muriel creano molta apprensione alla retroguardia veronese.

Gabriel Silva 5 – L’asse Sestu-Frey sulla destra gli limita e di molto il suo raggio d’azione. Nella ripresa avrebbe più spazio per spingere, ma gli manca la convinzione necessaria per impensierire il suo diretto avversario.

Maicosuel 6 – Approccio perfetto alla partita: alla prima occasione, infatti, approfitta dello svarione del Chievo realizzando la prima rete in campionato. Da quel momento in poi però non incide più come dovrebbe sull’incontro. 

Muriel 5,5 – Qualche fiammata ogni tanto, più nel vivo del gioco con la presenza di Di Natale. La sua pericolosità è ancora troppo a corrente alternata.

All. Guidolin – Un passo indietro rispetto alle ultime prestazioni. Troppo brutto per essere vero l’Udinese del primo tempo, come ha confermato anche la seconda frazione. L’assenza di un campione come Di Natale non può però incidere così tanto in una squadra da sempre ben organizzata come quella friulana.

Arbitro Tommasi 6 – Eccezion fatta per alcune punizioni discutibili, si guadagna la sufficienza sanzionando con l’ammonizione alcuni interventi duri che avrebbero potuto ‘incattivire’ un match sostanzialmente corretto.

 

TABELLINO 

CHIEVO-UDINESE 2-1

CHIEVO (4-4-2): Puggioni; Frey, Bernardini, Cesar, Dramè; Sestu (dal 74’ Hetemaj), Rigoni, Radovanovic, Estigarribia; Paloschi (dal 90’ Bentivoglio), Pellissier (dal 88’ Thereau). A disp.: Squizzi, Silvestri, Dos Santos, Lazarevic, Calello, Pamic, Improta, Sardo, Ardemagni.  All.: Sannino.

UDINESE (3-5-1-1): Kelava; Heurtaux, Danilo, Bubnjic (dal 80’ Zielinsky); Basta, Badu (dal 63’ Pereyra), Allan, Lazzari (dal 45’ Di Natale), Gabriel Silva; Maicosuel; Muriel. A Disp.: Benussi, Naldo, Widmer, Douglas, Mlinar, Fernandes, Jadson, Nico Lopez, Ranegie. All.: Guidolin.

Arbitro: Tommasi di Bassano del Grappa 

Marcatori: 1’ Maicosuel (U), 13’ Pellissier (C), 40’ Rigoni (C) 

Ammoniti: 27’ Basta (U), 30’ Danilo (U), 34’ Cesar (C), 42’ Estigarribia (C), 56’ Pellissier (C), 68’ Gabriel Silva (U), 73’ Sestu (C), 94’ Frey (C).




Commenta con Facebook