• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, Zapata sfida Napoli e Juventus. E su Balotelli: "Meglio di Falcao"

Milan, Zapata sfida Napoli e Juventus. E su Balotelli: "Meglio di Falcao"

Il difensore colombiano parla alla vigilia della partita contro il Napoli



21/09/2013 09:08

MILAN ZAPATA INTERVISTA NAPOLI BALOTELLI CHAMPIONS LEAGUE / MILANO - Cristian Zapata, difensore del Milan, ha rilasciato un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport' alla vigilia della sfida col Napoli: "Abbiamo una bella opportunità per rimetterci in corsa anche in campionato. Il Milan ha giocatori importanti: dobbiamo vincere a tutti i costi. Loro sono ancora più forti rispetto all’anno scorso ma il Napoli visto col Borussia non mi ha spaventato".

DIFESA MILAN - "Cerchiamo sempre di dare il massimo. A volte ce la fai e a volte no. Ma di certo col Celtic io e Mexes abbiamo dimostrato di essere un’ottima coppia di centrali. Lavorando sodo troveremo solidità e continuità".

SCUDETTO - "La Juve è più forte, ma siamo in grado di lottare fino alla fine".

GOL CHAMPIONS LEAGUE - "Ci sono stati casi molto “peggiori” del mio, e il gol è stato assegnato a chi ha tirato. Così resta proprio l’amaro in bocca".

ALLEGRI - "Per me è stato un valore aggiunto. Mi ha aiutato molto, in Spagna avevo perso un po’ di fiducia e lui me l’ha fatta ritrovare. Conoscendomi, ha saputo toccare i tasti giusti".

MODELLO - "Sensini, a Udine. Mi ha messo sulla strada giusta quando arrivai dalla Colombia, in Italia il calcio è completamente diverso".

RAZZISMO - "E’ un problema che in termini diretti non mi ha mai toccato, però esiste. Credo sia soprattutto dettato dall’ignoranza. Non mi risulta che Boateng sia andato via per questo".

BALOTELLI - "Ho avuto la fortuna di giocare con gente come Falcao, Di Natale e Mario. Devo dire che in allenamento quello che mi ha messo più in difficoltà è proprio “el loco”, il matto, come lo chiamo io".

S.D.




Commenta con Facebook