• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Sampdoria > Mercato Sampdoria, Sagramola: "Operazioni ben ponderate in ottica autofinanziamento"

Mercato Sampdoria, Sagramola: "Operazioni ben ponderate in ottica autofinanziamento"

L'amministratore delegato blucerchiato ha parlato delle operazioni in entrata e in uscita del club



20/09/2013 16:30

CALCIOMERCATO SAMPDORIA SAGRAMOLA INTERVISTA / GENOVA - Rinaldo Sagramola, direttore generale e amministratore delegato della Sampdoria, ha rilasciato un'intervista a 'Il Secolo XIX': "Ogni mossa nel calciomercato è stata frutto di una scelta ponderata, anche chi è arrivato l'ultimo giorno. Riteniamo di aver costruito una squadra in grado di salvarsi. Abbiamo otto nazionali in rosa e anche giocatori di prospettiva. Anche la conferma dell'allenatore ci dà grande fiducia. Non è un tecnico che abbiamo raccattato per strada, ma uno dalla grandissima esperienza".

AUTOFINANZIAMENTO - "Il nostro disegno triennale ha come obiettivo vitale l'auto-sostentamento. La Sampdoria non dovrà più dipendere dai soldi dell'azionista se non per eventuali investimenti, certamente non più per ripianare perdite. E dobbiamo centrarlo restando in Serie A, è fondamentale. Garrone ha accettato di sostenere il peso di questo percorso triennale, anziché pretendere l'obiettivo immediatamente, costringendoci appunto a smantellare la squadra".

RESPONSABILITA' - "Il presidente non è un tifoso acquisito, è un tifoso presente. Ma la responsabilità della scelte, di tutte le scelte, è esclusivamente nostra: mi riferisco al sottoscritto, a Osti, a Pavone e a Rossi. Se diciamo a Garrone prendiamo Caio perché bravo, lui si fida. Non abbiamo mai detto che avremmo fatto sfracelli, ma sempre e solo di salvezza, giocandocela con altre nove-dieci squadre, ognuna delle quali ha il 30%-40% di possibilità di retrocedere. In questi casi, si salva chi ha più capacità di discernimento. E' lì che entra in ballo l'esperienza: io, Osti e Pavone abbiamo oltre cento anni di attività alle spalle. Non ci svegliamo la mattina e facciamo "pim-pum".

S.D.




Commenta con Facebook