• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Nedved: "Tevez mostruoso. Ho un grande cruccio". E su un futuro da Ct...

Juventus, Nedved: "Tevez mostruoso. Ho un grande cruccio". E su un futuro da Ct...

Il Consigliere d'Amministrazione bianconero ha parlato anche della Champions League


Pavel Nedved (Getty Images)
Matteo Torre (twitter: @torrelocchetta)

17/09/2013 12:15

JUVENTUS NEDVED TEVEZ CHAMPIONS CT REPUBBLICA CECA / COPENAGHEN (Danimarca) - E' un Pavel Nedved a tutto campo quello intervenuto sulle colonne di 'Tuttosport' quest'oggi. L'ex fuoriclasse della Juventus ha toccato molti argomenti, dalla Champions League a un suo grande cruccio. A cominciare da un eventuale futuro sulla panchina della Repubblica Ceca: "Oggi non credo, ma un giorno mi piacerebbe: sarebbe un onore. Dobbiamo concentrarci sulle nuove generazioni, dato che il momento non è buono per via del mancato approdo a Brasile 2014. Ci sono i talenti, ma non possono crescere da soli. Bisogna lavorarci. Io Ct compatibilmente col ruolo che ho nella Juventus? Assolutamente no: bisogna fare una cosa alla volta".

CRUCCIO JUVE - "Il mio grande cruccio è non avere una squadra B sul modello dei grandi campionati europei: non capisco perché in Italia debba mancare. Aumenterebbe la competitività dei giovani, sarebbero più vicini al salto in prima squadra. In particolare Berardi ha sicura prospettiva, così come Boakye, ma non posso citarli tutti perché ce ne sono tanti".

AVVIO DI STAGIONE - "Da anni la Juventus non doveva passare un inizio d'anno così duro. Ci perde anche lo spettacolo, perché le grandi non sono in forma nelle prime giornate. Ma siamo usciti bene da questo primo mini ciclo di ferro. L'Inter gioca solo il campionato, era carica e ha dato il massimo: noi, invece no. Sappiamo di poter fare meglio. Dobbiamo metterci in testa che quest'anno soffriremo di più sul piano fisico. Poi c'è il Mondiale, che si farà sentire in corso di stagione. Gente come Pirlo e Barzagli deve capire che ogni tanto ha bisogno di riposare, anche se io mi comportavo allo stesso modo".

CHAMPIONS LEAGUE - "Col Real Madrid può succedere di tutto, quindi pensiamo ai turchi e ai danesi. Lo stadio del Galatasaray, in particolare, è un inferno. Stasera non dovremo ripetere gli errori dell'anno scorso: sarebbe fatale sottovalutare il Copenaghen. Ci sono squadre più forti di noi per vincere la Champions, ma non sempre vince il più forte. Questa Juve è fortissima, noi ci siamo".

TEVEZ E LLORENTE - "Tutti hanno visto a 'San Siro' che campione sia Carlitos. E' mostruoso, fa sempre la cosa giusta. Un fuoriclasse con lo spirito del mediano. E' un leader, inoltre: parla poco e lavora tanto. Mancini mi disse che con lui non avrei sbagliato, un anno fa. E lui con Tevez ne ha passate! Litigare, però, fa bene quando sei costruttivo. E l'argentino lo è. Su Llorente siamo tranquillissimi: dopo quello che ha passato l'anno scorso... ci sarà molto utile, vogliamo aspettarlo".




Commenta con Facebook