• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Serie A, Mancini: "Con Moratti rapporti normali. Balotelli? Gli voglio bene ma..."

Serie A, Mancini: "Con Moratti rapporti normali. Balotelli? Gli voglio bene ma..."

L'allenatore di Jesi ha parlato del recente derby d'Italia tra l'Inter e la Juventus



16/09/2013 12:42

INTER MANCINI MORATTI JUVENTUS BALOTELLI SERIE A / MILANO - Roberto Mancini ha rilasciato una lunga intervista al 'Quotidiano Nazionale'. Queste le sue dichiarazioni:

RAPPORTO CON MORATTI - "Conoscendo Moratti e l’amore che la sua famiglia ha per l’Inter, da suo papà a oggi, non credo sia facile per lui farlo. Considerando questa passione, se lo farà è perché potrebbe aver individuato la persona giusta. I rapporti col presidente? Sono normali. Ma all'epoca dell'addio ci fu freddezza perché non sempre quelli attorno a lui si comportano bene".

DERBY D'ITALIA - "La Juventus dà l’impressione di essere padrona dei propri mezzi e, se decide di attaccare, può far gol in qualsiasi momento. L’Inter è giovane, in costruzione: l’ho vista bene. Stupito da Walter Mazzarri? No, lui è bravo ed esperto. Era chiaro che ci avrebbe messo del suo, dando logica alla squadra. Però credo che anche i giocatori volessero e dovessero dimostrare qualcosa. Le parole di Aurelio De Laurentiis? E’ chiaro che più giochi in Europa o alleni all’estero, più acquisisci esperienza. Non mi pare così cattiva l’uscita di De Laurentiis. Detto questo, Mazzarri in Champions ha fatto benissimo in passato".

BALOTELLI - "Siamo stati tanti anni insieme. Se ci incontriamo, ci salutiamo cordialmente perché gli voglio bene e lui ne vuole a me. Abbiamo un ottimo rapporto, ma non abbiamo bisogno di sentirci".

RAZZISMO - "Non so cosa, ma qualcosa si deve fare. È ora che la gente capisca che allo stadio si va per godersi uno spettacolo, come accade in Inghilterra. È una cosa brutta, figlia di qualche decina di incivili. Ingiusto penalizzare gli altri, però è vero che chi sta intorno a questi qui, allo stadio, vede e sente".

SCUDETTO - "Credo che i pronostici saranno rispettati. Juve in prima fila, poi le solite note: Napoli, Milan, Inter, Fiorentina, Roma in ordine da definire. È presto, mi rifaccia la stessa domanda tra dieci giornate".

CHAMPIONS LEAGUE - "Complessivamente, i club italiani sono più forti rispetto al passato. Il Napoli ha un girone tosto, ma può farcela".




Commenta con Facebook