• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Udinese > Udinese-Bologna, Guidolin: "Auguri a Di Natale. Pioli? Lo stimo tanto"

Udinese-Bologna, Guidolin: "Auguri a Di Natale. Pioli? Lo stimo tanto"

Ecco quanto dichiarato alla vigilia del match di campionato dal tecnico di friulani



14/09/2013 14:13

UDINESE BOLOGNA CONFERENZA GUIDOLIN / UDINE - Francesco Guidolin ha preso parola nella consueta conferenza stampa di vigilia. Domani al 'Friuli' arriva il Bologna, una delle ex squadre del tecnico di Castelfranco Veneto: "Sono andato a Bologna per lavorare e per quattro anni ho portato risultati. Abbiamo conquistato una qualificazione in Intertoto e abbiamo sfiorato la Champions League perdendo l'ultima giornata di campionato a Brescia. Dal punto di vista professionale ho solo bei ricordi".

OMAGGIO A TOTO' - "Parliamo di Totò (Di Natale, ndr). Trecento partite rappresentano continuità, affetto, qualità, classe, capacità. Penso al Bologna che ci renderà la vita difficile domani".

L'AVVERSARIO - "I ragazzi di Pioli hanno fatto buone cose nei primi due incontri di campionato raccogliendo meno di quanto meritavano. Arriveranno qui col coltello tra i denti, il Bologna sarà un avversario forte e deciso con giocatori di qualità e di talento, allenato da un tecnico che stimo e apprezzo".

NAZIONALI E FORMAZIONE - "A metà settembre nessuna squadra può essere al 100% però i miei ragazzi stanno bene sotto l'aspetto fisico. Non è una regola che se un giocatore va in nazionale poi non gioca in campionato, devo valutare diversi parametri. Devo saper motivare tutti, soprattutto i giovani che devono ancora cresce".

OBIETTIVO SALVEZZA - "Noi dobbiamo prima pensare a raggiungere i 40 punti, lo ripeto in friulano se volete. Se non fossimo partiti da 40 non saremmo arrivati ai 66 dell'anno scorso".

A.B.

 

 




Commenta con Facebook