• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > Alessandro Altobelli su Italia-Repubbica Ceca e futuro Prandelli

Alessandro Altobelli su Italia-Repubbica Ceca e futuro Prandelli

Calciomercato.it ha intervistato in esclusiva il Campione del Mondo del 1982


La gioia di capitan Buffon (Getty Images)
Stefano D'Alessio (@SDAlessio)

11/09/2013 13:00

NAZIONALE ITALIA FUTURO PRANDELLI ALLEGRI INTERVISTA ESCLUSIVA ALTOBELLI / ROMA - Ieri sera, l'Italia di Cesare Prandelli ha conquistato il 'biglietto' per i Mondiali brasiliani del 2014 battendo per due reti ad una la Repubblica Ceca. Festa grande per gli 'azzurri', che a Torino hanno raggiunto così il prestigioso traguardo con due giornate di anticipo e celebrato al meglio il record di presenze di Gianluigi Buffon con la maglia della Nazionale (136, come Fabio Cannavaro). Calciomercato.it ha deciso di contattare Alessandro 'Spillo' Altobelli, ex calciatore campione del Mondo nel 1982, per fare con lui il punto della situazione.

LA SFIDA CON LA REPUBBLICA CECA - "Quando si tratta di partite ufficiali - spiega Altobelli a Calciomercato.it - l'Italia difficilmente commette errori. Ieri sera, abbiamo avuto l'ulteriore dimostrazione che questa nazionale è assolutamente competitiva. Nel girone di qualificazione, la squadra di Prandelli non ha commesso passi falsi, vincendo e subendo pochissimi gol. Contro la nazionale ceca abbiamo sofferto inizialmente, ma è normale in campo internazionale. La prestazione di Balotelli? Ha faticato all'inizio, non trovando la via del gol ma poi si è sbloccato. Ormai, l'attaccante del Milan è una certezza per questa Italia".

RECORD BUFFON - Altobelli approfitta dell'intervista concessa a Calciomercato.it per fare le sue congratulazioni al portiere della Juventus e della Nazionale: "Ha raggiunto il prestigioso traguardo di 136 presenze con la maglia 'azzurra', ma ho l'impressione che può disputarne ancora tante altre. Nonostante l'età, infatti, ha ancora i riflessi pronti e, nel panorama internazionale, resta sempre uno dei migliori. Si merita tutti i complimenti che ha ricevuto e riceverà in questi giorni".

FUTURO PRANDELLI - "Altrettanti complimenti - dice Altobelli - vanno fatti a Cesare Prandelli per questa qualificazione storica conquistata con due giornate di anticipo. Il suo futuro? Tutti erano a conoscenza da tempo del fatto che gli scadrà il contratto con la federazione dopo i Mondiali, non è mai stata una novità. A lui piacerebbe guidare un club, allenare tutti i giorni e vivere così quotidianamente il calcio. Se dopo i Mondiali troverà una squadra pronta ad affidargli la panchina, è giusto che lasci. Le tempistiche sull'annuncio? Non credo siano così importanti, ormai tutti siamo abituati a vivere il calciomercato 365 giorni l'anno. Per il suo eventuale successore - conclude Altobelli in esclusiva a Calciomercato.it - l'Italia può stare tranquilla perchè ci sono tanti ottimi allenatori. In cima alla lista dei possibili candidati, io metterei senza dubbio Allegri perchè mi piace come fa giocare le sue squadre e come sa rapportarsi con i giocatori, è un leader".




Commenta con Facebook