• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Italia > SPECIALE ITALIA: il bilancio di Prandelli alla guida della Nazionale

SPECIALE ITALIA: il bilancio di Prandelli alla guida della Nazionale

Un'analisi su numeri, record e curiosita' dal luglio 2010 alla partita di ieri contro la Repubblica Ceca


Cesare Prandelli (Getty Images)
Hervé Sacchi

11/09/2013 12:14

NAZIONALE QUALIFICAZIONI MONDIALI PRANDELLI RECORD STATISTICHE NUMERI CURIOSITA' / ROMA - Qualcuno lo ha criticato e altri continueranno a farlo, ma la qualificazione ai Mondiali è frutto del lavoro di Cesare Prandelli. Una persona dotata di sani principi, che anche nel calcio ha voluto lasciare il suo segno, pur scomodando qualche personaggio illustre del nostro calcio. Il chiaro riferimento va al codice etico (argomento già affrontato da noi in passato), introdotto quale strumento per salvaguardare l'identità del gruppo azzurro, in cui il rispetto viene prima dei risultati. Nonostante tutto, Prandelli ha portato a termine il suo primo - per molti facile e scontato - compito, ovvero quello di inserire l'Italia tra le trentadue che si contenderanno il Mondiale.

IL RECORD
- "Imbarco immediato". Per una volta è l'Italia a salire per prima sull'aereo con destinazione Brasile. Lo fa assieme all'altra qualificata, ovvero l'Olanda. Se gli olandesi sono abituati a staccare il pass con un certo anticipo, per la Nazionale azzurra è una vera novità. Con due giornate di anticipo, Prandelli si assicura la possibilità di testare nuovi schemi e introdurre alternative individuali nelle restanti due gare del girone, senza il peso di dover fare risultato.

NUMERI - Sono passati poco più di tre anni da quando il tecnico di Orzinuovi ha assunto il ruolo di selezionatore della Nazionale italiana. Dal luglio 2010 ha guidato l'Italia in 46 match, amichevoli comprese. Il bilancio è di 24 vittorie, 11 pareggi e altrettante sconfitte. L'Italia, sotto la sua gestione, non ha mai vinto più di tre partite consecutive, anche se la miglior striscia senza sconfitte è durata nove gare (tra il 2010 e il 2011, interrotta dalla sconfitta in amichevole con l'Irlanda il 7 giugno 2011). Sono 71 i gol fatti (media 1,5 a partita) e 48 quelli subiti (media 1,04 a partita).
In totale Prandelli ha convocato 66 calciatori in Nazionale maggiore. Andrea Pirlo è il giocatore con più presenze (37) sotto la sua guida. Mario Balotelli, invece, è quello che ha contribuito maggiormente in termini realizzativi: per la punta rossonera, 11 gol in Nazionale in 26 presenze con Prandelli.

CURIOSITA' - La partita contro la Repubblica Ceca ha segnato il ritorno del modulo con la difesa a 3. Tale impianto è stato proposto solo in altre quattro occasioni, tutte finite in pareggio compresa la semifinale di Confederations Cup terminata con una sconfitta, ma solo dopo i calci di rigore. La vittoria di ieri segna, dunque, una svolta anche sotto questo profilo tattico.




Commenta con Facebook