Breaking News
© Getty Images

Verona-Juventus, Toni: "Serata che ricorderò per sempre. Il cucchiaio..."

Il centravanti ha disputato la sua ultima partita da professionista

VERONA JUVENTUS TONI / VERONA - Al termine del suo ultimo match da professionista, Luca Toni ha commentato la vittoria del suo Verona sulla Juventus ai microfoni di 'Mediaset Premium': "Sarà una serata che ricorderò per sempre. E' l'ultima, ma era giusto che arrivasse. Il cucchiaio? Non sapevo se tirarlo a destra e sinistra e ho deciso per lo scavino. Questo dell'addio è uno dei momenti più belli e più tristi perchè mollare il calcio non è facile".

Toni, poi, interviene a 'Sky': "Quando fai gol lo scavino va bene, poi se sbagli fai la brutta figura. Sono riuscito ad entrare nella storia del Verona, ho vinto una classifica cannieri, mi sono rimesso in gioco e sono riuscito a togliermi un'altra grande soddisfazione. Dopo tutto questo penso sia giusto dire basta. Totti? Quando si sentirà di smettere, smetterà. Non sono io che posso dargli consigli. Del Neri? Nulla di particolare, non c'è stato grande feeling ma non è bello parlarne. Da questa annata usciamo tutti sconfitti per la retrocessione, poi con alcuni allenatori può andare meglio e con altri meno. Futuro? Non ne ho idea. Parlerò col Verona, che ha la priorità perché devo ancora qualcosa a questa gente e mi piacerebbe dare una mano a riportare in A questa società. Altrimenti mi guarderò attorno e deciderò con calma".

A.C.

Serie A   Juventus  
Bologna-Juventus, Allegri: "Buon allenamento. Felice per Kean"
Bologna-Juventus, Allegri: "Buon allenamento. Felice per Kean"
Il tecnico bianconero: "Era importante chiudere con una vittoria"
Serie A   Juventus  
Bologna-Juventus, Allegri: "Domani gioca Audero. Voglio restare"
Bologna-Juventus, Allegri: "Domani gioca Audero. Voglio restare"
Le parole del tecnico alla vigilia della sfida con gli emiliani
Serie A   Juventus  
Calcio, dall'Astana allo Zilina: tutte le Juventus d'Europa
Calcio, dall'Astana allo Zilina: tutte le Juventus d'Europa
Ecco le 54 squadre campione nel proprio Paese. In Ungheria si decide con lo scontro diretto al fotofinish