Breaking News
© Getty Images

ITALIANS - Grifo 'chiama' la Serie A. Vieira-Pirlo: è scontro

Le pagelle e i top/flop del fine settimana dei giocatori italiani all'estero

ITALIANS PAGELLE GIOCATORI ITALIANI ESTERO EX STRANIERI SERIE A / ROMA - Torna su Calciomercato.it l'appuntamento settimanale con Italians: ecco le pagelle dei giocatori italiani all'estero e i top ed i flop dell'ultimo turno di campionato. Questa settimana al top Mannone, Giovinco, Grifo, Giuseppe Rossi e Napoleoni. Flop Biraghi, Barba, Okaka. Vieira non convoca Pirlo.


ITALIANS - LE PAGELLE DEI GIOCATORI ITALIANI ALL'ESTERO

 

FABIO BORINI (Sunderland): 6 - Il Sunderland gioca una buona gara contro l'Arsenal. Borini non riesce ad incidere nello 0-0 finale, ma mostra di essere in forma. Corre tanto anche se non riesce a far male a Cech come avrebbe voluto. 

MATTEO DARMIAN (Manchester United): in panchina nella semifinale di Fa Cup contro l'Everton.

ANGELO OGBONNA (West Ham): il West Ham giocherà il 30 aprile contro il Wba. 

VITO MANNONE (Sunderland): 7,5 - A piccoli passi verso la salvezza, il Sunderland deve tanto a Vito Mannone. Il portierone italiano si produce in una prova da urlo, fermando qualsiasi attacco dell'Arsenal con grande reattività. Bravo e fortunato in occasione dell'uscita di testa coi tempi sbagliati. 

GRAZIANO PELLE' (Southampton): in panchina nella partita contro l'Aston Villa. 

ALBERTO PALOSCHI (Swansea): 5 - Entra nella ripresa e può fare davvero poco. Lo Swansea attacca per recuperare lo svantaggio sul Leicester ma lo fa in maniera sterile e Paloschi non riesce ad incidere in zona gol, come nessuno dei proprio compagni di squadra. 

FEDERICO MACHEDA (Nottingham Forest): in panchina nella partita contro il Fulham. 

GABRIELE ANGELLA (Qpr): non convocato.

MARCO SILVESTRI (Leeds United): 5,5 - Non il solito Silvestri. Luci e ombre nel 2-2 esterno con l'Hull City. Qualche buon intervento dei suoi ma sui due gol risulta essere troppo lento nello scendere a terra. Poteva e doveva fare meglio. 

MIRCO ANTENUCCI (Leeds United): in panchina nella partita contro l'Hull City. 

GIUSEPPE BELLUSCI (Leeds United): non convocato.

FERNANDO FORESTIERI (Sheffield Wednesday): 6 - Non segna come suo solito ma regala comunque una prestazione di livello contro il Derby County. Sfiora più volte il bersaglio grosso e quando cala si eclissa la manovra offensiva del suo Sheffield.

MICHAEL AGAZZI (Middlesbrough): in panchina nella partita contro l'Ipswich Town. 

DIEGO FABBRINI (Birmingham): 5 - Seconda punta titolare del Birmingham, gioca una partita anonima contro l'Huddersfield (1-1 il risultato). Apatico e senza i colpi del repertorio, finisce per essere sostituito dopo l'ora di gioco. 

MARCO VERRATTI (Psg): s.v.

THIAGO MOTTA (Psg): infortunato. 

SALVATORE SIRIGU (Psg): 6 - Difende con autorevolezza la porta nella finale della Coupe de la Ligue vinta contro il Lille. Non irreprensibile in occasione del gol avversario, ma gran parte della colpa è della barriera che si apre in maniera scriteriata. 

ANDREA RAGGI (Monaco): 6 - Schierato terzino sinistro, offre una prestazione difensiva solida. Dal suo lato il Rennes non passa ma le sortite offensive sono stranamente limitate rispetto al solito apporto. 

PAOLO DE CEGLIE (Marsiglia): non convocato.

CHRISTIAN BATTOCCHIO (Brest): 5,5 - Partita sottotono per lui e per tutto il Brest, che pareggia in casa con il Laval. Zero a zero il risultato. 

LUCA MIRACOLI (Tours): in panchina nella partita contro il Clermont. 

GIULIO DONATI (Mainz): 5,5 - Il Donati versione Bayer Leverkusen non si è mai visto a Mainz. Nella sconfitta con l'Eintracht il terzino scuola Inter mostra poca intraprendenza in attacco e insicurezza in difesa, senza però compiere gravi errori. 

LUCA CALDIROLA (Darmstadt): 4,5 - Il Colonia 'passeggia' sul Darmstadt. Nel 4-1 finale il bilancio di Caldirola è decisamente negativo. Sbaglia troppo in marcatura, nell'uno contro uno e nel tenere il fuorigioco. Mezzo voto in più per un salvataggio sulla linea. 

GIANLUCA CURCI (Mainz): in panchina nella partita contro l'Eintracht Francoforte. 

DANIEL CALIGIURI (Wolfsburg): 5 - Il Wolfsburg non è in giornata e perde 2-0 contro l'Augsburg in casa. L'italo-tedesco prova ad accendere i suoi ma ha le polveri bagnate e non è assolutamente decisivo. Esce dal campo nella ripresa. 

FEDERICO BARBA (Stoccarda): 4 - Esordio da incubo per il difensore ex Empoli. La prima con la maglia dello Stoccarda coincide con un pesante 0-3 col Borussia Dortmund. Barba ha responsabilità evidenti in ognuna delle tre segnature avversaria. Gara da dimenticare. 

VINCENZO GRIFO (Friburgo): 7,5 - Ennesimo partitone di questo ragazzo dal destro radiocomandato. Il Friburgo vola e stende il Duisburg. Grifo segna la punizione dell'1-0 con una parabola di rara bellezza e propizia il 2-0 con un altro piazzato dei suoi. Solita prestazione di classe e qualità. Sottovalutato. 

MARCO ANDREOLLI (Siviglia): infortunato.

DANIELE BONERA (Villarreal): in panchina nella partita contro la Real Sociedad. 

CRISTIANO BIRAGHI (Granada): 4 - Disastrosa la sua partita contro il Celta Vigo. La sconfitta per 2-1 condanna gli andalusi a dover soffrire ancora per salvarsi. Biraghi causa un rigore sciocco ed è costantemente in difficoltà quando attaccato sulla propria fascia. 

CRISTIANO PICCINI (Betis Siviglia): infortunato. 

GIUSEPPE ROSSI (Levante): 7 - Non segna e il suo Levante non riesce a vincere pur portandosi sul momentaneo 2-0 contro l'Athletic Bilbao. 'Pepito', però, gioca una partita di altissimo livello. Regista offensivo, mette il piede in tutte le azioni pericolose dei suoi e segna anche un gol che viene annullato per un fuorigioco inesistente. 

VINCENZO RENNELLA (Valladolid): 5,5 - Entra a poco più di 20' dalla fine ma non riesce a ribaltare le sorti del Valladolid che perde contro l'Osasuna. 

ALBERTO AQUILANI (Sporting Lisbona): in panchina nella partita contro il Madeira. 

EZEQUIEL SCHELOTTO (Sporting Lisbona): 6 - Partita positiva senza però rubare l'occhio. Qualche discesa delle sue sulla fascia e concentrazione in fase difensiva. Attento e pulito negli interventi, sta rinascendo in Portogallo. 

SALVATORE BOCCHETTI (Spartak Mosca): 6,5 - 2-2 tra Spartak Mosca e Mordovia Saransk. Bocchetti è uno dei migliori del pacchetto arretrato moscovita, che però in certe occasioni fa acqua. L'ex Milan offre una bella prestazione riuscendo anche a segnare il momentaneo 2-1, poi vanificato dalla rete di Lutsenko. 

DOMENICO CRISCITO (Zenit): s.v.

STEFANO OKAKA (Anderlecht): 4,5 - Non pervenuto nella disfatta dell'Anderlecht contro l'Oostende (4-2 il risultato). Il centravanti ex Sampdoria si muove invano, male assistito e leggermente svogliato. Non riesce ad incidere e non entra nemmeno nelle azioni che portano alle due reti dei bianco-malva. 

DAVIDE PETRUCCI (CFR Cluj): 5,5 - Poche idee, qualche spunto isolato e poco altro. Se non gira lui fatica a girare tutto il Cluj che sbatte (0-0) contro il Csms Iasi. I granata mantengono però un buon margine sulla zona retrocessione. 

ALEX VALENTINI (Lugano): in panchina nella partita contro il Sion. 

ORLANDO URBANO (Lugano): 5,5 - Piuttosto sfortunato. Il Lugano perde 3-1 contro il Sion e l'ex Juventus per una volta non è tra i peggiori del pacchetto arretrato, anzi. Si prodiga e riesce anche in un salvataggio sulla linea miracoloso. E' sfortunato in alcune situazioni, tra cui quella che porta al 3-1 che chiude la gara. 

MARIO PICCINOCCHI (Lugano): 5,5 - Inizia con coraggio ma poi si perde tra le maglie del centrocampo avversario. In difficoltà, esce alla fine del primo tempo senza lasciare rimpianti. 

STEFANO NAPOLEONI (Basaksehir): 7 - Entra al minuto 77 con il suo Basaksehir sotto di un gol nella sfida al Sivasspor. Dopo soli 5 minuti segna la pesantissima rete che fissa il risultato sul 2-2, permettendo alla squadra di Avci di mantenere il piazzamento Europa League. 

RAFFAELE DE VITA (Ross County): s.v.

SEBASTIAN GIOVINCO (Toronto FC): 8 - La 'Formica Atomica' è senz'altro uno dei giocatori più dominanti della Mls. Mvp del 2015, in questo 2016 si sta ripetendo alla grande. Nel derby con il Montreal Impact è sua la doppietta (rigore e splendido diagonale) che stende la squadra di Drogba. Valore aggiunto. 

ANDREA PIRLO (New York City): non convocato da Patrick Vieira. 

MARCO DONADEL (Montreal Impact): 6 - Nonostante lo 0-2 regge benino l'impatto con il centrocampo del Toronto. Torna da un infortunio e non è al 100% ma fa intravedere il solito sacrificio e anche qualche bel piazzato. 

ANTONIO NOCERINO (Orlando city): non convocato. 

PAOLO TORNAGHI (Vancouver Whitecaps): in panchina nella partita contro l'Fc Dallas. 

FEDERICO PIOVACCARI (Western Sydney Wandererers): non convocato.

IACOPO LA ROCCA (Adelaide United): 6,5 - Leggermente falloso ma comunque più che sufficiente. Guida la difesa dell'Adelaide United alla conquista della finale dell'A-League australiana. Il 4-1 sul Melbourne City è il risultato di una partita condotta senza troppe sbavature e con autorità. 

PABLO DANIEL OSVALDO (Boca Juniors): non convocato. 


ITALIANS - TOP E FLOP ITALIANI ALL'ESTERO

 

I TOP 3 DEL WEEKEND

SEBASTIAN GIOVINCO (Toronto Fc): 8 - A Toronto probabilmente gli dedicheranno una statua molto in fretta. L'ex fantasista della Juventus è il valore aggiunto della formazione canadese. Numero 10, regista offensivo e bomber implacabile. Nel derby contro il Montreal Impact, molto sentito a quelle latitudini, apre e chiude lui. Calcio di rigore dell'1-0 dopo un contatto su Altidore e diagonale da centravanti navigato nella ripresa per chiudere il discorso. In mezzo le solite giocate illuminante e la sensazione che la squadra lo stia ad aspettare per seguirlo come se fosse un profeta. One man show. 

VINCENZO GRIFO (Friburgo): 7,5 - Classe 1993, nato a Pforzheim in Germania ma italiano di passaporto. Questo ragazzo che ama giocare sulla corsia mancina è la sorpresa 2015/2016. Sta trascinando il Friburgo al ritorno nella Bundesliga a suon di parte eccezionali. Formidabile sulle punizioni, contro il Duisburg segna quella dell'1-0 e propizia il raddoppio dei suoi. Bruciante nelle accelerazioni, talento puro. Merita ben altri palcoscenici e potrebbe essere la sua estate. 

VITO MANNONE (Sunderland): 7,5 - Portiere che ci ha abituato a periodi di alti e bassi, sta stupendo per continuità. E' uno dei valori aggiunti del Sunderland che corre verso la salvezza. Nello 0-0 con l'Arsenal, Mannone ha chiuso la porta a doppia mandata parando tutto il parabile, non bellissimo da vedere ma estremamente efficace. E fortunato anche. Ritorno in Serie A nel 2016 per lui?


I FLOP 3 DEL WEEKEND

CRISTIANO BIRAGHI (Granada): 4 - Giornata nerissima per Biraghi, laterale scuola Inter ora in forza al Granada. Il Celta Vigo ringrazia: prima passa su un rigore sciagurato causato dall'italiano, poi spinge e raddoppia approfittando del momento di debolezza sulla corsia mancina. Brutto stop per gli andalusi che cercano punti salvezza. C'è bisogno di maggiore concentrazione. 

FEDERICO BARBA (Stoccarda): 4 - Sfortunatissimo all'arrivo a Stoccarda a gennaio, quando fu bloccato da un infortunio piuttosto serio. L'esordio è toccato contro il Borussia Dortmund ed è stato da brividi. Lo 0-3 dei gialloneri ha visto un Barba negativo in marcatura, in posizionamento e nel coordinarsi con la linea difensiva. Esce dopo il tris, stordito dalla valanga Dortmund. 

ANDREA PIRLO (New York City):  Non convocato - nessun voto per Andrea Pirlo e questa volta e il rumore è addirittura superiore rispetto ad una insufficienza. Escluso per scelta tecnica dalla sfida con i Philadelphia Union dal coach di New York City, Patrick Vieira che non lo convoca e perde comunque la gara. Ne è seguita una polemica piuttosto aspra che ha gettato nubi sul futuro americano del regista lombardo. 

Estero   Spagna  
Liga, festa Real: ritorna sul tetto di Spagna!
Liga, festa Real: ritorna sul tetto di Spagna!
Il 2-0 di malaga vale il 33esimo titoli in campionato
Estero   Juventus  
Ranking Uefa per club, la Juventus vola al secondo posto
Ranking Uefa per club, la Juventus vola al secondo posto
In attesa dei match di Europa League, ecco l'aggiornamento della classifica
Estero   Juventus   Napoli
Serie A, Dzeko stacca Higuain: ora nel mirino c'è Messi!
Serie A, Dzeko stacca Higuain: ora nel mirino c'è Messi!
Il bomber della Roma terzo, a -4 dalla 'Pulce', nella classifica dei migliori goleador d'Europa