Breaking News
© Getty Images

Ct Italia, De Biasi: "La mia Albania come il Leicester. Io dopo Conte? Mai dire mai"

L'attuale ct dell'Albania ha parlato del suo futuro

ITALIA DE BIASI EUROPEI / ROMA - Tra pochi mesi guiderà l'Albania nel primo Europeo della sua storia. In futuro, però, Gianni De Biasi potrebbe andare a prendere il posto occupato da Antonio Conte alla guida dell'Italia: come vi abbiamo raccontato, la sua è una pista concreta e le parti sono già in contatto. 

"A qualunque allenatore italiano fa piacere sentire il proprio nome accostato a quello della Nazionale. Sono italiano, alleno l'Albania, andremo agli Europei, vogliamo giocarcela. Dopo la Francia? Mai dire mai!", ha dichiarato lo stesso tecnico nell'intervista concessa a 'Il Messaggero'. Una lunga chiacchierata dove ha avuto modo di svelare anche qualche retroscena passato di calciomercato: "In Italia non si siano accorti di che allenatore avevano tra le mani? Ma sì che se ne sono accorti: sono orgoglioso di quello che ho vissuto in Italia. E magari vivrò altre esperienze italiane. Ma torno all'Albania: andiamo in Francia perché siamo una squadra. Siamo individualità, ma sempre all'interno di una squadra. E' così che le forze si moltiplicano. Niente individualismi. Siamo come il Leicester del mio amico Ranieri. Anzi, noi siamo arrivati prima. Proposte da club italiani? Nessuna. Anzi no, una ed ho risposto: 'Grazie, ma sono il commissario tecnico dell'Albania, stiamo andando a giocarci un Europeo'".

D.G.

Italia  
Italia, Balotelli presto di nuovo in azzurro?
Italia, Balotelli presto di nuovo in azzurro?
Il ct Ventura e Oriali sugli spalti per Nizza-Psg
Italia   Roma  
Italia, i convocati di Ventura: presente anche Emerson Palmieri
Italia, i convocati di Ventura: presente anche Emerson Palmieri
Il ct ha chiamato per il raduno di Coverciano i giocatori emergenti del momento
Italia   Genoa  
Genoa, Izzo sulla possibile pesantissima squalifica: "Sto vivendo un incubo"
Genoa, Izzo sulla possibile pesantissima squalifica: "Sto vivendo un incubo"
Il 25enne difensore napoletano rischia 6 anni di squalifica più la preclusione e un'ammenda di 20 mila euro.