Breaking News
© Getty Images

Inter, Eder studia il rilancio: col Genoa non fallisce mai

L'attaccante italo-brasiliano è ancora alla ricerca del primo gol in nerazzurro

INTER GENOA RISCATTO EDER / ROMA - Un'astinenza lunga tre mesi. Da quando è approdato all'Inter, Martins Eder non è più riuscito ad bucare i pali avversari: la sua ultima esultanza è datata 24 gennaio quando riuscì a trafiggere Reina nella sfida col Napoli. Dopodiché sono arrivate 9 gare in cui l'italo-brasiliano è rimasto a bocca asciutta. 

Un calo preoccupante il suo: approdato in nerazzurro a gennaio per accrescere la potenza di fuoco di Mancini, l'ex Samp si è inceppato tanto da aver messo in dubbio anche la sua presenza ai prossimi Europei. Cosa che fino a qualche mese fa sembrava poter essere inipotizzabile. Ora gli sono rimaste cinque gare per conquistare sia l'Inter che Conte, a partire dalla sfida di questa sera che lo riporterà nel suo 'Marassi': i nerazzurri, infatti, faranno visita al Genoa. Praticamente un derby per Eder che potrebbe anche partire dal primo minuto: Mancini sta ragionando sull'idea di attuare un turnover ragionato, confermando il 4-2-3-1 delle ultime uscite e rilanciando lui e Ljajic sulle fasce.

Una mossa che potrebbe rivelarsi vincente: negli ultimi due precedenti coi 'Grifoni' Eder è sempre andato a segno. E chissà che l' 'aria di casa' non possa giovarlo, facendolo tornare agli splendori di una volta.

Serie A   Inter  
FOTO CM.IT - Inter, Vecchi: "Scuse Gabigol? Gli fa onore"
FOTO CM.IT - Inter, Vecchi: "Scuse Gabigol? Gli fa onore"
Il tecnico sul brasiliano: "Si confronterà anche con la società"
Serie A   Inter   Lazio
Lazio-Inter, Vecchi: "Non si può finire così! Il nuovo allenatore..."
Lazio-Inter, Vecchi: "Non si può finire così! Il nuovo allenatore..."
Il tecnico nerazzurro ha incontrato i giornalisti in sala stampa
Serie A   Inter  
Inter, è caos: record negativo, tifosi furiosi e il mercato alle porte
Inter, è caos: record negativo, tifosi furiosi e il mercato alle porte
Solo due punti in otto partite. La curva contesta, Handanovic e Eder alzano i toni in tv