• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-PSV EINDHOVEN

PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-PSV EINDHOVEN

Impressionano De Sciglio e Boateng. Male Park


Boateng (Getty Images)
Gianluca Scatena

28/08/2013 23:41

PAGELLE E TABELLINO MILAN-PSV/ MILANO – Per il Milan era la partita della vita, nonostante ci si trovi solo all'inizio della stagione. Allegri ha gettato in campo i recuperati dall'infermeria e i risultati si sono visti, tanto che Verona sembra non sia mai esistita. In mezzo alla squadra rossonera non pecca nessuno. Il solo a farsi prendere dalla foga, probabilmente per il ruolo che indossa, è capitan Montolivo. Determinanti le prove di De Sciglio in difesa e Boateng per  lo score. Dalla parte degli olandesi deludono in molti, anzitutto Park, l'uomo d'esperienza che fallisce al cospetto della gioventù milanista. Schaars, di fatto, è l'unico a salvarsi.

 

MILAN


Abbiati 7 - Grande parata su Matavz. Scongiura il goal all'inizio del match, quando il Milan parte col freno a mano, e dopo il vantaggio, quando Maher fa partire il siluro poi neutralizzato nella prima frazione e a distanza ravvicinata contro Wijnaldum nel secondo tempo.

De Sciglio 7 - Fa un buon lavoro di pressing e rende inutile gli sforzi di Park e Jozefzoon. Le sue discese si rivelano utilissime al gioco dell'intera squadra, specialmente quello dell'attacco, costantemente servito con palle invitanti.

Zapata 6,5 - La batosta di Verona, dove ci ha messo sicuramente del suo, sembra essergli servita. Non fa muovere Matavz e riceve gli applausi dello stadio.

Mexes 6 - Accompagna il giropalla difensivo e aiuta Zapata a sorreggere i tentativi d'offesa di Matavz.

Abate 6,5 - Svolge un buon lavoro tattico, bloccando spesso l'avanzata degli olandesi, in particolare di Depay, sulla fascia di competenza.

Montolivo 5,5 - Oltre che in regia, si fa sentire nelle azioni senza palla, cercando di infastidire il portatore avversario. Il giallo è figlio di una foga evidentemente eccessiva. Da capitano quale è, poteva certamente evitarla.

Muntari 6 - Compie azioni semplici e non sbaglia mai. Ordinaria amministrazione. Dal 82' Nocerino s.v.

De Jong 6,5 - E' in crescita atletica e non solo; fa lo scorbutico e recupera numerose palle insieme ai compagni di centrocampo. L'infortunio è ormai alle spalle.

Boateng 8 - Gran goal da fuori area che sblocca il match. Altrettanto grande il suo personale raddoppio per porre la parola “fine” ai sogni di gloria dei giovani olandesi. Al tutto si aggiunge anche una partita di sacrificio all'interno di tutto il rettangolo verde. Ripaga in toto la fiducia di Allegri. Dal 85' Robinho s.v.

Balotelli 7 - Cerca continuamente il goal ma non riesce ad emergere nel primo tempo, nemmeno in occasioni che per lui si direbbero solitamente semplici. Al secondo tempo trova la zampata giusta da deviazione di Mexes e butta la palla in rete. Goal che nasconde la non buonissima prestazione dell'ex City fino a quel momento. La sua classe inizia a farsi sentire solo dopo, quando aiuta in fase di non possesso (beccandosi il giallo) e sforna ottimi passaggi, avviando pure l'azione del terzo goal.

El Shaarawy 7 - Rientra come al solito per dare una mano al reparto difensivo. Becca in pieno la traversa e va vicinissimo alla rete. Intensità a tratti imparagonabile. Dal 75' Poli 6,5 – Entra in campo con l'atteggiamento giusto. Cattiveria e passaggi al bacio (assist per Boateng).

All. Allegri 7 - Doveva vincere per evitare capitomboli personali, oltre che rossoneri. L'ha fatto affidandosi subito ai recuperati De Jong, De Sciglio e Boateng. Il risultanto, in gran parte, è merito loro.

 

 

PSV

Zoet 5 - Poteva arrivare al primo tiro di Boateng, ma si rifa più tardi con un paio di buone uscite. Nel complesso, in ogni modo, i tre goal incassati son troppi.

Brenet 6 - Mette in mostra la sua velocità, soprattutto quando ha a che fare con El Sharaawy, ostacolato per quanto possibile ogni volta che ha cercato di sfuggire in progressione.

Bruma 5,5 - E' un falegname. Se non è palla, è gamba. La sua posizione è sempre molto avanzata e permette all'intera squadra di non indietreggiare alla pressione milanista, ma rischia pesantemente nei contropiedi veloci. Lo dimostra la terza marcatura.

Rekik 5,5 - Limita lo spazio di Balotelli, usando anche le cattive maniere. Eppure lo strapotere degli avversari è palese.

Willems 5,5 - Caldeggia le sue scorribande offensive, ma la buona giornata dal punto di vista tattico dei terzini rossoneri gli negano qualche gioia e lo inducono ad errori banali.

Schaars 6,5 - E' sempre presente in mediana: per smistare, gestire la regia e mettere i brividi all'avversario con manovre da fuori, con un pizzico di grinta che non guasta, tranne quando alla fine del primo tempo prende il giallo per una scaramuccia con Montolivo.

Park 4,5 - E' l'uomo d'esperienza, ma in mezzo al campo la sua influenza è minima. La volontà non manca, ma pecca troppe volte cercando di saltare l'uomo, oppure in occasione del cross dopo essere arrivato sul fondo. La sua prestazione è condizionata dalla guardia di De Sciglio e viene sostituito subito dopo la ripresa. Dal 61' Jozefzoon 5 – Ripete l'ambaradan del compagno coreano e non sfonda la retroguardia milanese.

Wijnaldum 6 - Si inserisce in area ed è l'unico a mettere in difficoltà la difesa rossonera nelle poche opportunità sotto porta.

Maher 6,5 - Aiuta in attacco e in difesa. Scalda i guantoni di Abbiati con un gran tiro da fuori e mette il piede in tutte le azioni dell'undici olandese. Perno che ha saputo mantenere alte le speranze dei suoi finché è rimasto in campo. Dal 63' Toivonen s.v.

Depay 5,5 - Lotta sulla fascia, ma raramente arriva a sfornare cross da finalizzare grazie al “posto di blocco” di Abate. Tenta nella sua specialità, ossia la botta da fuori, ma non centra il bersaglio. Dal 74' Locadia s.v.

Matavz 5 - In attacco il PSV non produce cose interessanti e lui ne soffre. Cerca comunque di suonare il campanello lì davanti, quando concesso, ma il suo contributo è insufficiente.

All. Cocu 5,5 – Le sue disposizioni nulla possono contro la maggior forza del Milan. Cerca di alzare il baricentro della squadra, ma tale sforzo gli si ritorce contro nei contropiedi micidiali di Balotelli e compagni.

 

Arbitro: Mark Clattenburg 6 – Eventi da segnalare non ce ne sono e le ammonizioni assegnate sono giuste.

 

TABELLINO

MILAN-PSV EINDHOVEN 3-0

Milan (4-3-3): Abbiati; Abate, Zapata, Mexes, De Sciglio; Muntari (82' Nocerino), De Jong, Montolivo; Boateng (86' Robinho), Balotelli, El Shaarawy (74' Poli). A disp.: Amelia, Silvestre, Constant, Emanuelson, Niang. All.: Allegri.

Psv Eindhoven (4-3-3): Zoet; Rekik, Bruma, Willems, Brenet; Wijnaldum, Schaars, Maher (70' Toivonen); Park (61' Jozefzoon), Matavz, Depay (74' Locadia). A disp.: Tyton, Zanka, Arias, Van Ooijen. All.: Cocu.

Arbitro: Mark Clattenburg (ENG)

Marcatori: 9', 78' Boateng, 55' Balotelli (M)

Ammoniti: Bruma, Schaars (P), Montolivo, Balotelli (M)

Espulsi: -

 

 

 

 

 




Commenta con Facebook