• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-CHIEVO

PAGELLE E TABELLINO DI PARMA-CHIEVO

Cassano inventa, Amauri non conclude: al Tardini si esaltano i portieri.


Antonio Cassano (Getty Images)
Valerio Pantone

25/08/2013 23:02

 

PAGELLE E TABELLINO PARMA-CHIEVO / PARMA – Un bel Chievo strappa un pareggio importante al Tardini contro il Parma. Troppo imprecisa la squadra di Donadoni, soprattutto a centrocampo, su tutti Parolo e Valdes. Non bastano le invenzioni di Cassano, all’esordio in gialloblu, senza dubbio il migliore dei suoi al pari di Mirante, decisivo in almeno due parate. Più brillante nel complesso la formazione di Sannino che alla fine deve però ringraziare il suo portiere Puggioni, fondamentale a dieci minuti dal termine sul colpo di testa ravvicinato di Biabiany

 

PARMA

 

Mirante 6,5 – Provvidenziale nel primo tempo sia su un colpo di testa insidioso di Thereau che su un tiro ravvicinato di Paloschi. Nel momento decisivo, insomma, lascia inviolata la porta del Parma. 

Cassani 6 – Si adatta bene al ruolo di centrale destro, nonostante l’ex terzino del Palermo abbia nelle corde altre caratteristiche. Esperimento riuscito.  

Felipe 6 – Si interscambia spesso con Lucarelli nel ruolo di centrale: eccezion fatta per qualche sbavatura iniziale riesce a strappare la piena sufficienza. 

A.Lucarelli 6 – I 36 anni si fanno sentire soprattutto di fronte alla rapidità di Paloschi. Meglio quando è chiamato a comandare il pacchetto arretrato in sostituzione dell’infortunato Paletta.

Biabiany 5,5 – Sfida in un bel duello in velocità Drame ma non sempre riesce ad avere ragione: quando ci riesce, poi, non ha la lucidità necessaria per offrire palloni interessanti ai due attaccanti. Nel finale fallisce per bravura di Puggioni il pallone da tre punti.

Marchionni 5 – Duttile e generoso come sempre nel supportare la regia di Valdes. Gli manca però qualche spunto in più in fase offensiva.

Valdes 5 – La lentezza della manovra del Parma dipende in parte anche dalla prestazione incolore del metronomo cileno, troppo previdibile per l’attente difesa scaligera. Dal 69’ Munari 5,5 – Donadoni gli chiede di dare un pò di vivacità alla squadra ed invece non riesce in alcun modo a cambiare le sorti del match.

Parolo 4,5 – Poco lucido e quasi sempre fuori dal gioco, risulta a tratti un corpo estraneo nell’undici gialloblu. Facile etichettarlo come il peggiore in campo. 

Gobbi 5,5 – Non ancora al meglio della condizione, pecca spesso di imprecisione anche nelle cose più semplici. 

Cassano 6,5 – Regala subito un paio di giocate d’alta scuola al pubblico del Tardini. I compagni però non lo assistono a dovere. Alla fine esce tra gli applausi dei suoi nuovi sostenitori, più che meritati. Dall’82’ Sansone s.v. 

Amauri 5,5 – Primo tempo da dimenticare per l’attaccante italo-brasiliano, molto impreciso e confusionario negli ultimi venti metri. Nella ripresa si danna l’anima per abbattere il muro degli ospiti ma senza successo.

All. Donadoni 6 – Difficile superare un Chievo così organizzato e ben messo in campo. Troppa lenta e prevedibile però la manovra dei gialloblu, nonostante la condizione fisica di Cassano che regala assist a volontà. La scommessa più importante, per il momento, è vinta.

CHIEVO

Puggioni 7 – Attento e sicuro nelle uscite alte, corre pochissimi rischi anche per merito della sua difesa. L’unico vero brivido arriva a dieci minuti dal termine dal colpo di testa di Biabiany, ma l’ex reggino si supera.

Sardo 6 – Più a suo agio quando deve affacciarsi dalle parti di Mirante. Ad inizio ripresa avrebbe anche la possibilità di portare in vantaggio i suoi, ma fallisce l’occasione. Dal 87’ Frey s.v. 

Cesar 6,5 – In assenza di Dainelli è ormai una certezza del pacchetto arretrato a disposizione di Sannino. Dalle sue parti non si passa: chiedere ad Amauri.

Papp 6,5 – Ordinato e sempre presente nella marcatura su Amauri, non concede praticamente nulla al numero undici gialloblu. Conferma i progressi mostrati lo scorso anno.  

Dramè 6 – Un vero osso duro per Biabiany. In fase offensiva, invece, si propone ma senza troppa convinzione.

Sestu 6 – La presenza di Biabiany lo costringe spesso al ripiegamento difensivo. Questo però lo rende meno efficare nella metà campo avversaria nonostante qualche tentativo dalla distanza. Dal 79’ Claiton - 

Radovanovic 5,5 – Poco intraprendente in fase d’impostazione, si limita ad aiutare Rigoni nella copertura del centrocampo.

L.Rigoni 6,5 – Conquista un’infinità di palloni in mezzo al campo, rendendosi prezioso anche per i due difensori centrali.

Hetemaj 6 – Due suoi affondi sull’out di destra mettono in apprensione la difesa del Parma. Gli manca la continuità nella spinta offensiva, alla fine il limite di tutto il Chievo.

Paloschi 6,5 – Ci tiene a far bene davanti al suo ex pubblico e lo dimostra cercando di sfruttare al massimo le sponde di Thereau e le incertezze della retroguardia avversaria. Dall’82’ Pellissier s.v. – Con questa presenza diventa il giocatore che ha disputato più partite con la maglia del Chievo. Un record che nonostante gli otto minuti merita di essere citato. 

Thereau 5,5 – Cresce alla distanza mettendo in mostra tutte le qualità tecniche delle quali è in possesso. La sue leziosità a volte però rallenta le ripartenze dei clivensi.

All. Sannino 6,5 – Un Chievo pragmatico ed organizzato. Praticamente quello che chiedeva alla vigilia l’ex tecnico del Palermo, sicuramente agevolato anche dai pochi cambiamenti apportati alla squadra nel mercato estivo. 

Arbitro Rizzoli di Bologna 6 – Conduzione senza sbavature per il fischietto internazionale, abile a raffreddare gli animi dei giocatori nel momento più caldo della partita. Al 41esimo minuto del primo tempo giusto lasciar proseguire il contatto in area parmense tra Paloschi e Lucarelli. 

TABELLINO 

PARMA-CHIEVO 0-0

PARMA (3-5-2): Mirante; Cassani, Felipe, Lucarelli; Biabiany, Marchionni, Valdes (dal 69’ Munari), Parolo, Gobbi; Cassano (dal 82’ Sansone), Amauri. A disp.: Bajza, Pavarini, Mesbah, Okaka, Palladino, Mendes, Benalouane, Acquah, Rispoli, Rosi. All.: Donadoni.

CHIEVO VERONA (4-4-2): Puggioni; Sardo (dal 87’ Frey), Cesar, Papp, Dramè; Sestu (dal 79’ Claiton), Radovanovic, Hetemaj, L. Rigoni; Paloschi (dal 82’ Pellissier), Thereau. A disp.: Squizzi, Silvestri, Lazarevic, Samassa, Calello, Pamic, Acosty, Inglese, Stoian. All.: Sannino.

Arbitro: Nicola Rizzoli di Bologna

Ammoniti: 54’ Marchionni (P), 54’ Radovanovic (C), 73’ Cassani (P), 77’ Hetemaj (C), 77’ Sardo (C)

 




Commenta con Facebook