Breaking News
© Getty Images

Juventus, conto alla rovescia: ecco quando può arrivare lo scudetto

I bianconeri, in vantaggio di sei punti sul Napoli, potrebbero festeggiare addirittura il 25 aprile

JUVENTUS COUNTDOWN SCUDETTO 2015/2016 / TORINO - Sei giornate al termine, sei punti di vantaggio sul Napoli secondo ed una marcia che sembra non volersi mai arrestare. La Juventus corre verso lo scudetto, il quinto consecutivo, che potrebbe arrivare addirittura il 25 aprile.

Servirà una combinazione di risultati complicata, ma comunque il vantaggio acquisito consentirà ai bianconeri di poter perdere o pareggiare in tranquillità una delle prossime sei gare anche se gli azzurri dovessero vincere sempre da qui alla fine.

Per consentire alla 'Vecchia Signora' di trionfare già alla 35esima giornata basterà un pareggio del Napoli tra la trasferta di 'San Siro' con l'Inter e la sfida in casa col Bologna. I bianconeri, con due vittorie, arriverebbero così al 35esimo turno con 8 punti di vantaggio: in caso di vittoria con la Fiorentina e contemporanea sconfitta degli azzurri con la Roma il vantaggio diventerebbe di 11 lunghezze con solamente tre giornate da giocare. Dovessero vincere entrambe nel turno del 25 aprile, invece, il discorso scudetto slitterebbe al primo maggio con questo scenario: la Juventus vince le prossime 4, il Napoli pareggia o perde una delle prossime 3 partite, vince le altre 2 ed alla 36esima non batte l'Atalanta.

 

Serie A   Napoli  
Napoli-Fiorentina, Sarri: "Partita rischiosa, Mertens fenomeno"
Napoli-Fiorentina, Sarri: "Partita rischiosa, Mertens fenomeno"
Il tecnico azzurro: "Non era facile, i ragazzi hanno risposto bene"
Serie A   Napoli   Torino
Torino-Napoli, Sarri nervoso: "Mai chiesto un ca**o alla società!"
Torino-Napoli, Sarri nervoso: "Mai chiesto un ca**o alla società!"
Il tecnico ha commentato la netta vittoria contro i granata
Serie A   Napoli   Torino
Torino-Napoli, Sarri: "Non mi lamento, devo molto a De Laurentiis"
Torino-Napoli, Sarri: "Non mi lamento, devo molto a De Laurentiis"
Il tecnico analizza in conferenza stampa la gara di domani