• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Atalanta > Atalanta, Livaja: "Ho studiato da Eto'o. Obiettivo doppia cifra"

Atalanta, Livaja: "Ho studiato da Eto'o. Obiettivo doppia cifra"

L'attaccante croato parla a poche ore dall'esordio stagionale con la maglia orobica



25/08/2013 09:37

ATALANTA LIVAJA INTERVISTA ETO'O / BERGAMO - Marko Livaja, attaccante dell'Atalanta, ha rilasciato un'intervista a 'La Gazzetta Sportiva'. Queste le sue dichiarazioni:

NUOVO RUOLO - "Mi piace parecchio, perché ho più spazio in cui muovermi. Ma anche quando arrivai in Italia, a Cesena, giocavo esterno. In Croazia giocavo dietro la punta, ho fatto anche il centrocampista. Poi in Under 15 trovai come allenatore Ivan Gudelj, ex giocatore dell’Hajduk, e lui mi impostò come prima punta. Colantuono mi dice 'torna indietro, torna indietro'... Io sono un attaccante e mi piace stare vicino alla porta. Ma mi rendo conto che nel calcio moderno bisogna saper attaccare e difendere".

IDOLI - "Non ne ho, ma mi piacciono Ibrahimovic e Drogba. Quelli potenti. Eto'o? Mi sono allenato con lui all’Inter 3-4 volte. Fortissimo. Un animale".

OBIETTIVO - "Andare in doppia cifra in questo campionato".

LUGANO - "Ho lasciato la Croazia a 17 anni. Tramite l’Inter arrivai a Lugano. Non fu facile: non capivo una parola, per fortuna c’erano due croati e due serbi, ma parlavano sempre tedesco... E poi non potevo giocare in campionato: è dura allenarsi tutta la settimana e poi stare davanti alla tv. Ora invece sono proprio contento: sono titolare in Serie A, il campionato più difficile del mondo. È il motivo per cui ho scelto l’Atalanta".

CARATTERE - "Adesso faccio il tranquillo, non faccio più caz..te come quelle dell’anno scorso. Per il mio bene, prima di tutto, e poi per la società, l’allenatore, i compagni. Devo cambiare".

S.D.




Commenta con Facebook