• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Hellas Verona > Verona, Longo: "Questa squadra fa per me. L'Inter..."

Verona, Longo: "Questa squadra fa per me. L'Inter..."

Il giovane attaccante, appena acquistato dall'Hellas, parla tra passato, presente e futuro



21/08/2013 08:51

VERONA LONGO INTER ESPANYOL PREMIER LEAGUE NAZIONALE UNDER 21 / VERONA - Samuele Longo, appena trasferitosi dall'Inter al Verona in prestito, ha rilasciato un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport':

LA SCELTA - "So che altre squadre hanno bussato per me alla porta dell’Inter. Ma sono davvero contento di essere arrivato qui. Ho la sensazione che squadra e società facciano per me. E io seguo sempre il mio istinto. È vero, io sono di quelle parti ma non è certo una prerogativa per me. Io sto bene a casa, come tutti, ma non sono certo un mammone come dimostra la mia esperienza all’Espanyol".

ESPANYOL - "In generale mi son trovato benissimo. È un’esperienza che rifarei. Altra cultura, altra mentalità, meno stress. Nello specifico del lavoro, ero più contento nella prima parte di campionato semplicemente perché giocavo di più".

INTER - "Lo sapevano che io, come Bardi, preferivo andare a giocare da qualche parte. Poi in futuro chissà. Se sarà Inter bene, ma io rifarei anche un’altra esperienza all’estero. Sogno l’Inghilterra. La Premier mi attira un sacco e penso di avere la caratteristiche adatte per quel calcio".

NAZIONALE UNDER 21 - "Non mi pesano le responsabilità. Spero di essere protagonista sia nel club che in azzurro. Ma so che prima di tutto conta il gruppo, non il singolo. Mi è dispiaciuto parecchio non andare agli Europei in Israele con Mangia. Non ero così sicuro che sarei stato chiamato e prima o poi dovevo operarmi alla spalla. Ora il problema è risolto e ho una gran voglia di essere protagonista nel prossimo Europeo. Io, Bardi e gli altri sopravvissuti del gruppo precedente dovremo dare una mano ai nuovi arrivati. Dalla prima uscita in Slovacchia posso dire che è un bel gruppo, già unito. E partire bene dà morale. Spero di trovare più spazio possibile. L’Under poi è una gran vetrina. Speriamo di aver fatto cambiare idea sui giovani. All’Europeo abbiamo dimostrato quanto siamo bravi. Perché fin quando arrivano Higuain o Tevez niente da dire. Meglio per il nostro campionato. Ma spesso capita che noi siamo meglio degli stranieri che arrivano. Solo che bisogna avere la fiducia dei tecnici".

S.D.




Commenta con Facebook