• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Genoa > Genoa, Lodi: "Orgoglioso di essere qui. Piacevo alle 'big' ma..."

Genoa, Lodi: "Orgoglioso di essere qui. Piacevo alle 'big' ma..."

Il centrocampista, arrivato in estate dal Catania, fa un primo bilancio della sua esperienza in rossoblu



13/08/2013 08:54

CALCIOMERCATO GENOA LODI CATANIA INTERVISTA / GENOVA - Francesco Lodi, centrocampista del Genoa, ha rilasciato un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport'.

GENOA - "Sono orgoglioso di essere qui, la squadra più antica d’Italia. Preziosi mi inseguiva da anni ed è quello che mi ha voluto più di tutti. Le 'big' mi volevano? Sono contento di aver suscitato l’interesse di squadre da Champions, significa che ho fatto bene, ora devo fare di più e qui avrò la possibilità di crescere ancora. In questa società rivedo le basi che hanno fatto grande il Catania: c’è uno zoccolo duro, con Portanova, Manfredini, Antonelli, Floro Flores e Kucka, arricchito da Gilardino, Biondini, Cofie e Perin che sono tornati, completato dai nuovi arrivi e dalle idee, e dalla capacità di metterle in pratica, di Liverani. Un allenatore che mi ricorda molto Montella. Questa può essere la stagione della svolta, mia e del Genoa".

CATANIA - "Continuo a sognare ma la realtà è diversa. Devo ringraziare tante persone, soprattutto a Catania. Il giudizio sulle scelte lo darà come sempre il campo".

STILE DI GIOCO - "Sono cresciuto inseguendo il mito di Maradona, il gol, la giocata fine a se stessa. Solo più avanti ho capito che chi mi diceva di pensare di più a giocare per la squadra aveva ragione. Per troppo tempo ero rimasto bloccato sulle mie idee. Ho 29 anni e sono nel pieno della maturità, come regista, però, sono giovanissimo, praticamente lo faccio da due anni e mezzo, quindi ho tante cose da imparare e tanti margini di miglioramento. Intanto ho messo a posto il destro. Posso continuare a crescere".

NAZIONALE - "Non parlerò più di Nazionale. Solo il campo potrà dire cosa valgo nel ruolo che sento mio, quello dove mi aveva provato De Biasi a Udine e dove mi hanno messo prima Simeone e poi Montella a Catania".

PUNIZIONI - 'Marca' ha pubblicato una statistica sui tiratori di punizioni europei in cui batto Pirlo, Messi e Cristiano Ronaldo? Ne sono orgoglioso ma queste deve essere solo il punto di partenza, per me e per il Genoa".

S.D.




Commenta con Facebook