• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Altro > Economia, il decreto lavoro diventa legge: le regole

Economia, il decreto lavoro diventa legge: le regole

Ottocento milioni per cercare di arginare la piaga della disoccupazione giovanile


Lavoro (Getty Images)

09/08/2013 09:39

ECONOMIA, IL DECRETO LAVORO DIVENTA LEGGE: LE REGOLE / ROMA - 794 milioni di euro fino al 2016, per incentivare in tutt'Italia le stabilizzazioni di giovani tra i 18 e i 29 anni d'età. Il decreto lavoro diventa legge, ecco i passaggi principali:

Giovani - I datori di lavoro che entro il 30 giugno 2015 assumano, con contratto di lavoro a tempo indeterminato, dipendenti di età tra i 18 e i 29 anni, che non hanno un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi o privi di un diploma di scuola media superiore o professionale, avranno diritto per 18 mesi a un contributo pari a un terzo (non può però superare i 650 euro) della retribuzione mensile lorda imponibile ai fini previdenziali.
Stesso incentivo è previsto, per 12 mesi, per chi trasforma un contratto a tempo determinato in uno a tempo indeterminato con l'impegno di assumere entro un mese, un altro lavoratore.

Imprenditori fai da te - Per costituire una srl basterà un euro e i soci fondatori non dovranno per forza avere meno di 35 anni.

Formazione - Un milione di euro andrà al Fondo 'mille giovani per la cultura' destinato alla promozione di tirocini formativi e orientamento nei settori delle attività e dei servizi per cultura destinati ai giovani fino ai 29 anni. 10 milioni saranno stanziati per l'alternanza scuola-lavoro; misura che permette ai ragazzi di trascorrere alcuni giorni negli uffici o nelle officine.

Contratti - Sono ridotti i tempi tra un contratto a termine e l'altro: da 60 a 10 giorni per i contratti fino a sei mesi e da 90 a 20 giorni per quelli più lunghi. Senza pausa, scatta l'obbligo della conversione a tempo indeterminato. Ampliato il contratto a progetto: se l'attività di ricerca scientifica si prolunga, il progetto prosegue. Al massimo 400 giornate di lavoro effettivo in tre anni per i lavoratori a chiamata.

S.C.




Commenta con Facebook