Breaking News
© Getty Images

Fiorentina-Napoli, Sarri: "Nessuno meritava di perdere. Rabbia Higuain? Vi spiego..."

Il commento del tecnico al termine del match

SERIE A FIORENTINA NAPOLI SARRI / FIRENZE - Per la terza giornata di fila il Napoli manca l'appuntamento con i tre punti. Contro la Fiorentina ritrova la rete Higuain ma non si va oltre l'1-1. Ecco il commento del tecnico Sarri: "E' stata una partita bellissima. Nel finale di primo tempo è sembrato potessero vincere loro e negli ultimi 20' della gara potevamo trovare noi la vittoria. In questa gara nessuno avrebbe meritato la sconfitta. Sono contento della mia squadra e faccio i complimenti alla Fiorentina, che mi piace molto. Facci comunque i complimenti alla mia squadra".

FORTUNA - "Credo il secondo tempo abbia equilibrato gli episodi, con due 'miracoli' di Tatarusanu"

JUVENTUS - "Data la marcia della Juventus, essere a tre punti vuol dire che abbiamo fatto bene anche noi. Si deve soltanto dir bravi ai bianconeri, che sono i più forti".

HIGUAIN - "Era arrabbiato perché pensava d'essere partito in posizione regolare sul gol. Poi lo ha rivisto".

INSIGNE - "Mi sono arrabbiato perché durante un'azione si sono trovati Mertens a sinistra e Insigne a destra e, volendo più raddoppi di Lorenzo su Tello, mi sono arrabbiato perché non è tornato in fretta in posizione".

PRIMO TEMPO - "Sui palloni riconquistati abbiamo palleggiato troppo in orizzontale. Cosa che non mi è sembrata nella ripresa. Abbiamo giocato meglio, pressando più alti con gli esterni, che nella prima fase non si sono presi troppi rischi".

RALLENTMENTO - "Stiamo giocando assolutamente come in altri periodi. Nessun rallentamento. I numeri in fase offensiva sono addirittura migliorati. Si può parlare di 'rallentamento' nei risulatti. A livello di gioco non lo accetto".

PESO HIGUAIN - "Un chilo e mezzo, in una struttura come quella di Higuain, non è un problema, anche perché è per la maggior parte massa muscolare. Ha passato un periodo in cui era più stanco del solito. Sono contento sia tornato a segnare. Dinanzi ai suoi numeri non si può parlare".

Successivamente alla 'Rai', Sarri afferma: "Il fatto che facesse notizia che Higuain non segnava da 15 giorni è il segnale che è un grande calciatori. Ha numeri straordinari, è arrivato alla 27a rete straordinaria".

SCUDETTO - "Dobbiamo credere che stasera abbiamo fatto una grande partita. Soffrendo 15-20 minuti contro una grande squadra e abbiamo creato tante occasioni e provato a vincere. Con la Fiorentina abbiamo fatto una parttia che è uno spot per il calcio italiano. Se questo basterà non lo so, la Juventus ha fatto 49 punti su 51 disponibili ed è un record: se noi stiamo lì a 3 punti va dato merito anche al nostro campionato. Mercato di gennaio? Non ne ho parlato quando era aperto e non inizierò ora che è chiuso". 

INSIGNE - "Non è stato condizionato, avrebbe voluto dedicare il gol al rapinatore e non c'è riuscito (ride, ndr). 

MERTENS E GABBIADINI - "Stasera i giocatori che mi sembravano più in difficoltà erano quelli che non avevano giocato in Europa League. I numeri che ho non mi dicono che i giocatori offensivi sono in difficoltà: Hamsik ad esempio ha i numeri migliori della stagione, Insigne non mi sembra in calo e stasera ha fatto un grande lavoro difensivo e questo lo ha portato ad essere un po' troppo basso. Mertens dal 10 gennaio ad oggi ha 45-50 minuti in meno rispetto ad Insigne in tutte le competizioni. David Lopez sta molto bene e devo cercargli di ritagliargli più spazio". 

L.I.

 

Serie A   Fiorentina   Lazio
Serie A, Fiorentina-Lazio 3-2: ripresa folle, viola in rimonta
Babacar, Kalinic ed un autogol consegnano i tre punti agli uomini di Sousa
Serie A   Fiorentina   Inter
Fiorentina-Inter, Pioli: "Valuto l'operato della società. Penalizzati da due situazioni"
L'allenatore nerazzurro incontra i giornalisti in sala stampa
Serie A   Fiorentina   Sampdoria
Serie A, Sampdoria-Fiorentina 2-2: Babacar salva i viola in 'zona Cesarini'
I viola si portano, momentaneamente, a 3 punti dall'Inter