• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Calcioscommesse, inizia l'udienza della Corte Federale sull'inchiesta Bari-bis

Calcioscommesse, inizia l'udienza della Corte Federale sull'inchiesta Bari-bis

Inizio alle 14.00 presso l'NH Hotel Vittorio Veneto di Roma



26/07/2013 15:46

CALCIOSCOMMESSE UDIENZA CORTE FEDERALE BARI BIS/ ROMA - Intorno alle 14.00 presso l'NH Vittorio Veneto Hotel di Roma, è iniziata l'udienza della Corte di Giustizia Federale sul filone di Bari bis del calcioscommesse. Questo il riepilogo delle sentenze, direttamente dal sito della FIGC: "prosciolti Willian Pianu e Nicola Strambelli; stralciata la posizione di Mark Edusei; 4 anni di squalifica per Massimo Ganci, 3 anni e 7 mesi per Jean Francois Gillet e Gianluca Galasso, 3 anni e 6 mesi per Raffaele Bianco, Simone Bonomi, Francesco Caputo, Daniele De Vezze, Luca Fusco, Stefano Guberti, Vitali Kutuzov, Alessandro Parisi, Ivan Rajcic, e Vincenzo Santoruvo. Sono stati squalificati per 6 mesi Nicola Belmonte, Massimo Bonanni, Corrado Colombo, Mariano Martin Donda, Santiago Ladino e Vitangelo Spadavecchia, mentre a Cosimo D’Angelo è stata inflitta un’inibizione di 4 anni.

Queste invece le istanze di patteggiamento accolte: "Bari (un punto di penalizzazione nel campionato 2013/14); Cristian Stellini (6 mesi in continuazione della squalifica dello scorso anno), Nicola Santoni (9 mesi in continuazione); Alessandro Gazzi (3 mesi e 10 giorni, oltre a 40mila euro di ammenda); Simone Cavalli (4 mesi); Marco Esposito (20 mesi); Andrea Masiello (3 mesi e 15 giorni più 20mila euro che si aggiungono alla squalifica rimediata nel procedimento dell'estate scorsa e pari a 2 anni e 2 mesi e all'ammenda di 30mila euro); Paulo Vitor de Souza Barreto e Giovanni Marchese (3 mesi e 10 giorni oltre l'ammenda di 10mila euro); Davide Lanzafame (16 mesi e 40mila euro di ammenda)".

S.F.




Commenta con Facebook