• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Lo riconoscete?

Lo riconoscete?

Nuovo viaggio alla scoperta di calciatori dimenticati dal grande calcio


Lo riconoscete?

22/07/2013 16:10

LO RICONOSCETE CALCIATORI DIMENTICATI / ROMA - La rubrica di Calciomercato.it vi racconta le storie di calciatori che, pur avendo lasciato un segno più o meno profondo nella storia di questo sport, per un motivo o per l'altro sono finiti nel dimenticatoio, lontani dai riflettori degli stadi e dalle luci della ribalta.

La rubrica odierna è dedicata a un centravanti greco capace di segnare circa duecento gol in carriera, ma non per questo capace di imporsi in Italia, con la maglia dell'Avellino. La sua esperienza nel Bel Paese si chiude dopo diciannove presenze e zero gol, a fronte della valanga di reti segnate con l'Olympiacos: è Nikos Anastopoulos.

Nato ad Atene nel 1958, Anastopoulos è diventato celebre in patria tra il 1980 e il 1987, quando in biancorosso ha segnato qualcosa come 115 volte in 198 presenze. L'Avellino lo prese proprio nell''87, e 'La Gazzetta dello Sport' gli dedicò un titolone: "Scende dall'Olimpo il cannoniere dell'Avellino". Rimase celebre unicamente per le sue sopracciglia folte e per un baffo tipico degli anni '80. Apatico e indolente, in campo non vide la porta neanche col binocolo. La retrocessione in Serie B fu anche merito della sua sterilità di fronte ai portieri.

Girò anche una leggenda sul suo conto, ovviamente falsa: sarebbe tornato ad Atene in pedalò. Si ritirò nel 1994 dopo aver nuovamente vestito la casacca dell'Olympiacos, e da allora si è dedicato con discreti risultati alla carriera di allenatore. Ovviamente in Grecia, unica terra capace di comprendere il suo incomprensibile talento.




Commenta con Facebook