• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > L'Editoriale di Sugoni - Strootman, Jedvaj, Elez: parte il mercato della Roma, continua quello d

L'Editoriale di Sugoni - Strootman, Jedvaj, Elez: parte il mercato della Roma, continua quello della Lazio

Consueto appuntamento con il nostro editorialista ed esperto di 'SkySport24'


Strootman fronteggia Verratti (Getty Images)
Alessandro Sugoni

11/07/2013 10:00

EDITORIALE SUGONI CALCIOMERCATO ROMA LAZIO STROOTMAN / MILANO - I loro raduni sono cominciati in maniera incredibilmente opposta. Contestazione per la Roma, applausi per la Lazio di Lotito. Cori e tanto entusiasmo. Merito di una Coppa Italia arrivata dopo un derby tiratissimo e alla fine di una stagione comunque soddisfacente. Ma merito - e molto - anche di un mercato che ha portato due giocatori di grandissima qualità (Biglia e Felipe Anderson), ottime opportunità (Novaretti a costo zero, cercato anche da Mancini quando era ancora al City) e scommesse interessanti (Perea). Nelle ultime ore è arrivato anche il difensore croato Elez dall'Hajduk Spalato. Insomma, un mercato low profile solo nei modi, non nella sostanza. Perché - oltre agli arrivi - la Lazio ha fatto benissimo nelle partenze: nessuna, almeno per ora. E' stata riscattata la metà di Candreva - fondamentale l'anno scorso al punto da conquistarsi la Nazionale - sono stati respinti tutti i possibili assalti per Klose ed Hernanes. Ancora qualcosa da fare resta (cedere un attaccante tra Kozak e Floccari e magari cercare un vice-Klose) ma Petkovic ha già a disposizione una rosa più ampia e in generale più competitiva.

Quale rosa avrà ancora non lo sa con precisione invece Rudy Garcia. Emblema della difficile estate giallorossa. Lui è arrivato dopo i tentativi andati a vuoto per Mazzarri e Allegri. Ma non è una seconda scelta, visto che Sabatini lo seguiva (e inseguiva) da tempo. Ora - finalmente - è partito anche il vero mercato. Benatia è stato l'antipasto (anche se la cessione della metà del super-Lopez visto al Mondiale under 20 è stato un sacrificio importante), il talento della difesa della Dinamo Zagabria Jedvaj una ciliegina che può ingolosire. Ma Strootman è tutta la torta. Perché lui ha tutto per essere un campione. Corsa, forza fisica, gol: non è un caso che lo volesse mezza Europa (Manchester United su tutte). La Roma ha fatto più e meglio delle altre ed ora l'accordo con il Psv è davvero vicinissimo: 18 milioni, bonus compresi. Che poi bisognerà coprire cedendo qualcuno. De Rossi, Marquinhos, gente che ha mercato c'è. Quello di Osvaldo per ora si è un po' fermato, ma è lui il vero uomo con cui la Roma intende fare cassa. Nel frattempo si sistemerà anche la vicenda portiere (qualche ora ancora per aspettare De Sanctis, se non dovesse arrivare via libera a Sorrentino). Poi eventualmente - e una volta partiti proprio Osvaldo e Borriello - si penserà anche all'attaccante. Ma farlo con uno Strootman in più in rosa, sarà molto più facile.




Commenta con Facebook