Breaking News
© Getty Images

Napoli, Regini ritrova Sarri: i possibili ruoli nella formazione azzurra

Terzino sinistro o centrale difensivo, acquisto versatile

NAPOLI EMPOLI REGINI SARRI / NAPOLI - Vasco Regini sta per diventare un nuovo difensore del Napoli. Sarà lui l'atteso rinforzo per la difesa chiesto da Sarri per sopperire al vuoto lasciato dalla cessione di Henrique. In molti, tra gli addetti ai lavori, si sono chiesti il perchè di un tale acquisto, dato che Regini è considerato per lo più un terzino sinistro. Tuttavia, il calciatore è versatile e può disimpegnarsi molto bene anche da difensore centrale come fece, per esempio, nella stagione 2012/13 a Empoli. Proprio sotto la guida di Maurizio Sarri che, vedendolo giocare, decise di cambiargli posizione.

Alto 185 cm, discreta qualità e velocità, Regini somoglia molto a Giorgio Chiellini. Meno roccioso dello juventino, il prossimo acquisto del Napoli può contare su un buon senso della posizione e sulla versatilità. Le sue doti aeree lo rendono pericoloso anche negli schemi da calcio piazzato, utilizzati spesso dal tecnico partenopeo. In giovane età, ha anche fatto parte di svariate rapresentative della Nazionale, ad oggi è alla sua terza stagione in massima serie. Non sarà di certo il titolare fisso ma proverà a non far rimpiangere Albiol e Koulibaly in questa seconda parte di stagione. E, all'occorrenza, sostituirà uno tra Strinic e Ghoualm

 

M.D.A.

Serie A   Roma   Napoli
Serie A, 38a giornata: Perotti nel Totti day! Roma 2a al 90'
Serie A, 38a giornata: Perotti nel Totti day! Roma 2a al 90'
Non basta il successo del Napoli. Azzurri terzi
Mercato   Milan   Napoli
Calciomercato Milan, clamoroso Donnarumma: c'è anche il Napoli
Calciomercato Milan, clamoroso Donnarumma: c'è anche il Napoli
Pronto l'assalto azzurro se non si accorda con i rossoneri. Ma ci sono pure City, Real e United
Mercato   Napoli  
Napoli, De Laurentiis: "Mertens ha rinnovato. Futuro? In Cina..."
Napoli, De Laurentiis: "Mertens ha rinnovato. Futuro? In Cina..."
Ecco le parole del presidente azzurro sul contratto del talento belga