• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Altro > Mercato Lecce, Miccoli divide la tifoseria

Mercato Lecce, Miccoli divide la tifoseria

Entusiasmo in Salento per il possibile arrivo dell'attaccante, ma c'e' chi storce il naso: "E' un mafioso"



06/07/2013 13:55

CALCIOMERCATO LECCE MICCOLI / LECCE - Le notizie di un possibile ritorno di Fabrizio Miccoli a Lecce hanno infiammato la tifoseria salentina, delusa dalla recente mancata promozione in B. Ma ora c'è chi inizia a storcere il naso di fronte alle recenti vicende nelle quali si è trovato coinvolto il 'Romario del Salento'. Secondo quanto riporta 'SportMediaset', in molti non vedono di buon occhio la trattativa con l'attaccante, che di recente è stato indagato per riciclaggio ed estorsione in concorso con un’associazione di stampo mafioso e ha fatto scalpore per alcune dichiarazioni su Giovanni Falcone. "Veder giocare Miccoli a Lecce è sempre stato il sogno di tutti noi tifosi - spiega Antonio Rotundo, consigliere comunale del Pd -. Ora, questa recente vicenda giudiziaria che lo coinvolge ci fa capire che separare i due aspetti non sia poi così facile. Credo spetti alla società valutare e decidere cosa sia meglio fare". C'è invece la voce dissonante di Alfredo Prete, presidente della Camera di commercio e della Confcommercio di Lecce: "Ha chiesto pubblicamente scusa per le sue parole su Giovanni Falcone e ha detto di voler dimostrare il suo pentimento con gesti concreti. Questo vuol dire che si è reso conto di aver sbagliato. In fin dei conti, chi siamo noi per giudicare se nemmeno conosciamo le prove in possesso della magistratura?". Infine - e non è un problema di poco conto - permangono i problemi di carattere economico, visto che non è stato trovato ancora l'accordo sul contratto. 

 

A.P.




Commenta con Facebook