• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio, Marino: "Ecco cosa mancava a Candreva". E su Sanchez e Pepe...

Lazio, Marino: "Ecco cosa mancava a Candreva". E su Sanchez e Pepe...

L'allenatore del Pescara ha parlato di alcuni suoi ex giocatori



05/07/2013 12:36

LAZIO MARINO CANDREVA SANCHEZ PEPE / ROMA - Nel corso di un'intervista a 'Radio Manà Manà' l'allenatore del Pescara Pasquale Marino ha parlato di alcuni suoi ex giocatori, a partire dal laziale Antonio Candreva: "Era un ragazzino e l’ho fatto debuttare contro l'Inter. Ha giocato pochissimo perché avevo a disposizione giocatori come Di Natale, Pepe e Quagliarella, ha avuto poco spazio. Però l'ho rivoluto al Parma, gli dicevo che gli mancava quel 30% per diventare quello che è adesso. Negli ultimi due anni ha avuto quel cambiamento caratteriale che l'ha fatto diventare un giocatore straordinario, può fare l'interno e l'esterno con la stessa facilità, perchè ha  duttilità e corsa. Gli mancava solo la consapevolezza dei propri mezzi. E' sicuro di quello che fa, rischia, non gioca mai in maniera banale o in orizzontale, cerca sempre di inventare qualcosa, significa che dal punto di vista della personalità è cresciuto parecchio".

PEPE - "Quando sono arrivato all'Udinese la società non sapeva se riscattarlo o meno dal Cagliari. Durante il ritiro Simone mi ha chiesto di rimanere, non avrebbe fatto problemi, non mi avrebbe messo in difficoltà. E’ stato di parola. Dopo un paio di mesi ho iniziato ad utilizzarlo e non è più uscito dal campo. Ha conquistato, così, la Nazionale e la Juventus".

SANCHEZ - "E' un top player, quando vai a in una squadra come il Barcellona ce ne sono tanti come te, del tuo stesso livello. E lui se non gioca con continuità si intristisce, perché ama il calcio, si allena sempre, con costanza e professionalità. Secondo me per le sue caratteristiche potrebbe esaltare la tifoseria giallorossa".

A.C.




Commenta con Facebook