• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Confederations Cup, i flop dei gironi: Cavani delude, ma la difesa azzurra non scherza

Confederations Cup, i flop dei gironi: Cavani delude, ma la difesa azzurra non scherza

L'attaccante uruguaiano non ha atteso le aspettative. Diversi azzurri sulla stessa linea


Edinson Cavani (Getty Images)
Hervé Sacchi

24/06/2013 14:04

CONFEDERATIONS CUP FLOP GIRONI CAVANI DIFESA ITALIA BARZAGLI CHIELLINI MONTOLIVO / ROMA - Si è chiusa la prima fase di Confederations Cup, ed è quindi tempo di bilanci. Se i pronostici sono stati rispecchiati in pieno (qualificate Italia, Brasile, Spagna e Uruguay), non si può dire lo stesso sui protagonisti in campo. Ci sono state, infatti, sorprese positive ma altrettante delusioni eccellenti.

ITALIA - Guardare per prima cosa in casa nostra è un atto dovuto, umile. Gli otto gol incassati sono un campanello d'allarme troppo grande per essere sottaciuto e non basta la qualificazione alle semifinali della manifestazione per mitigare quei problemi che la difesa ha palesato e che sono andati ad aumentare partita per partita.
Se nella gara contro il Messico il capro espiatorio è stato identificato in Andrea Barzagli, nel match contro il Giappone sono state riscontrate amnesie generali e contagiose, tali da coinvolgere anche il giovane De Sciglio, fin qui quello che ha meglio figurato nel reparto.
Lontano dagli standard di qualità anche Buffon e Chiellini. L'estremo difensore della Nazionale è incappato in una prestazione completamente negativa contro il Brasile. Nella stessa gara, il centrale azzurro ha perso il confronto diretto con Fred, dimostrandosi in affanno e poco presente fisicamente. In debito d'ossigeno c'è anche Claudio Marchisio (si salva per l'assist a Giovinco contro il Giappone), uno degli elementi che a metà campo non ha reso secondo aspettative. Non è andata meglio nemmeno a Montolivo e, specialmente, ad Aquilani, vero e proprio pesce fuor d'acqua di questa Nazionale, cui demeriti e colpe sono da estendere anche a Cesare Prandelli.

CAVANI, TOP DEI FLOP - La possibilità di disputare la semifinale garantisce ancora una chance per redimersi. Certo è che, fino a questo punto, di Edinson Cavani non si è avuta traccia. Destabilizzato dalle voci di mercato, l'attaccante ha dimostrato voglia ma scarsa accuratezza sotto porta. Praticamente un altro giocatore, rispetto al capocannoniere della Serie A. Si rialza nell'ultima gara contro Tahiti il compagno di squadra Luis Suarez, altro giocatore dal quale ci si aspetta di più di quanto fatto vedere specialmente nelle prime due partite del girone. 
Qualche delusione giunge anche dal Giappone, specie dopo l'ultima gara disputata contro il Messico. Fuori dai giochi, Zaccheroni e compagnia hanno smesso i panni 'astrali' vestiti contro l'Italia, ritornando molto più che terreni.




Commenta con Facebook