• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI TAHITI-NIGERIA

PAGELLE E TABELLINO DI TAHITI-NIGERIA

Il milanista Oduamadi trascina la Nigeria nella goleada contro Tahiti


Oduamadi (Getty Images)
Valerio Pantone

17/06/2013 23:22

PAGELLE E TABELLINO TAHITI-NIGERIA/ BELO HORIZONTE (Brasile) –  La Nigeria travolge all’esordio la Cenerentola Tahiti grazie ad un super Oduamadi, autore di una tripletta. Nonostante il risultato, i Campioni d’Oceania realizzano il meritato gol della bandiera con Jonathan Tehau, tra i migliori dei suoi insieme alle rivelazioni Vahirua e Chong Hue. Tra le Super Aquile africane, da evidenziare le prestazioni di Obi Mikel e Oboabona; da rivedere, invece, il giovane Omeruo e l’attaccante Ujah.

TAHITI

Samin 5 – Sfortunato dopo pochi minuti sulla conclusione di Elderson deviata dall’arbitro e da Vallar, la sua prestazione è macchiata dall’indecisione che provoca il terzo gol dei nigeriani.

Ludivon 5 – La velocità di Musa gli rende la partita impossibile complice anche il disastroso posizionamento tattico.

Vallar 5 – Prova subito a caricare i suoi compagni di squadra con un paio di interventi decisi. La sfortunata autorete che regala il primo gol alle Super Aquile scoraggia il capitano della formazione oceanica, dal quale momento in poi in completa confusione. Dal 54’ Faatiarau 5,5 – Prova a limitare i danni senza però riuscire a contenere gli assalti nigeriani.

J. Tehau 6,5 – Come tutto il reparto arretrato si fa sorprendere dai continui tagli degli attaccanti avversari. Il suo colpo di testa vincente però cancella in un attimo tutti gli errori commessi facendolo entrare di diritto nella storia calcistica della sua Nazionale, nonostante l’autorete del 4-1.

Aitamai 5,5 – Le continue discese di Elderson, in coppia con Musa, evidenziano le sue lacune difensive. Le cose più interessanti le regala dalla metà-campo in sù.

Caroine 5 – Dovrebbe essere il regista della manovra della squadra, ma la superiorità tecnica del centrocampo nigeriano lo sovrasta praticamente quasi sempre.  

Bourebare 5 – Un suo errore in fase d’impostazione propizia il raddoppio delle Aquile. Tanta buona volontà supportata però da una tecnica di base insufficiente.

Simon 5,5 – Le qualità migliori le mette in mostra quando è chiamato a puntare l’avversario. Decisamente poco a suo agio nel ripiegamento difensivo. Dal 77’ Lemaire s.v.

Vahirua 6,5 – Dimostra di essere l'unico giocatore professionista della squadra creando diversi pericoli alla porta avversaria anche tentando soluzioni personali. Ad inizio gara sfiora quello che sarebbe stato il gol del momentaneo pareggio con un gran destro dalla distanza. Dal 69’ Atani s.v.

A. Tehau 5,5 – Utile a volte nel gioco di sponda per gli inserimenti dei centrocampisti offre però pochi spunti in fase offensiva a differenza degli altri due compagni di reparto.  

Chong Hue 6,5 – Nonostante non sia un calciatore professionista, riesce spesso a mettere in apprensione la difesa nigeriana con la sua velocità. Manca di pochissimo l’appuntamento con il gol che probabilmente avrebbe meritato. 

All. Etaeta 6 – Aver segnato un gol è di per sè il raggiungimento di un obiettivo storico. Il pessimo schieramento difensivo della sua squadra è però un difetto che in una competizione del genere rischia di provocare imbarcate anche peggiori di questa.

NIGERIA

Enyeama 5 – Sicuro sulle palle alte, sbriglia bene almeno un paio di situazioni insidiose in area di rigore, tranne in occasione del colpo di testa di Tehau nella quale sbaglia completamente il tempo dell’uscita.

Ambrose 5,5 – Meglio in fase di spinta che quando deve fronteggiare la rapidità degli attaccanti di Tahiti nell’uno contro uno. Conferma le lacune mostrate con la maglia del Celtic negli ottavi di finale di Champions contro la Juventus.  

Omeruo 5 – Senza dubbio il giocatore più in difficoltà della Nigeria, come dimostra anche l’ammonizione rimediata, l’unica di tutta la partita. L’età è dalla sua parte, ma all’orizzonte ci sono avversari ben più temibili di quelli di Tahiti.    

Oboabona 6,5 – Comanda con autorità la linea dei difensori, controllando senza affanno le sortite offensive avversarie.   

Echiejile 7 – Dal suo sinistro nasce il gol dell’immediato vantaggio. Intraprendente in fase propositiva, approfitta degli spazi concessi sulla sua corsia di competenza. Nel finale suggella la partita siglando la doppietta personale.

Ogude 5,5 – Sostituto dell’infortunato Onazi, si limita a coprire le avanzate di Mikel evidenziando però una scarsa personalità.

Mikel 6,5 – Padrone assoluto del centrocampo, gioca in assoluta scioltezza cercando di sfornare assist invitanti per i suoi compagni di squadra. 

Mba 6 – Bravo nel palleggio e nel fraseggio corto, fallisce diverse opportunità nitide davanti al portiere. Dal 55’ Ogu s.v.

Oduamadi 7,5 – Senza dubbio il migliore in campo non solo per la tripletta realizzata. Il prodotto del vivaio del Milan risulta infatti il più presente in tutte le azioni della Nigeria e soprattutto il più cinico degli attaccanti.

Ujah 5 – Si muove bene ma alla fine conclude poco e male verso la porta avversaria. Un attaccante che non va a segno in una goleada del genere, non merita la sufficienza. Dal 51’ Ideye Brown 6,5 – Dotato di un buon mancino, regala un paio di giocate importanti che però non hanno fortuna.

Musa 6,5 – Considerando una delle promesse del calcio nigeriano, lascia intravedere sprazzi interessanti per le sue folate imprendibili sulla fascia. Negli ultimi undici metri però sbaglia troppo, eccedendo a volte nella leziosità. 

All. Keshi 6,5 – D’accordo l’avversario non eccelso, ma le giovani Aquili africane possono annoverare tra le loro fila diversi giocatori di prospettiva interessanti. Da rivedere sicuramente la difesa: contro Uruguay e Spagna, servirà infatti un’attenzione diversa. 

Arbitro Joel Aguilar 6 – Partita sostanzialmente tranquilla per il fischietto di San Salvador, costretto a ricorrere al cartellino giallo in una sola circostanza.

TABELLINO

TAHITI-NIGERIA 1-6

TAHITI (3-4-3): Samin; Ludivon, Vallar (dal 54’ Faatiarau), J. Tehau; Aitamai, Caroine, Bourebare, Simon (dal 77’ Lemaire); Vahirua (dal 69’ Atani), A. Tehau, Chong Hue. A disp.: Tihoni, L. Tehau, Aroita, Hnanyine, Vero, T. Tehau, Wagemann, Meriel, Roche. All.: Etaeta.

NIGERIA (4-3-3): Enyeama; Ambrose, Omeruo (dal 74’ Egwuekwe), Oboabona, Echiejile; Ogude, Mikel, Mba (dal 55’ Ogu); Oduamadi, Ujah (dal 51’ Ideye Brown), Musa. A disp.: Onazi, Babatunde, Agbim, Gambo, Ejide, Benjamin, Akpala, Eze, Kwambe. All.: Keshi.

Arbitro:  Joel Aguilar (SLV)

Marcatori: 5’ Echiejile (N), 10’ Oduamadi (N), 26’ Oduamadi (N), 54’ J. Tehau (T), 68’ aut. J. Tehau (N), 76’ Oduamadi (N), 80’ Echiejile (N)

Ammoniti: 41’ Omeruo (N)




Commenta con Facebook