• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > L'Editoriale di Sugoni - El Shaarawy, Guarin, Marchisio: la lunga lista degli incedibili non-inc

L'Editoriale di Sugoni - El Shaarawy, Guarin, Marchisio: la lunga lista degli incedibili non-incedibili

Consueto appuntamento con il nostro esperto di mercato, giornalista di 'Sky Sport 24'


Claudio Marchisio (Getty Images)
Alessandro Sugoni

13/06/2013 10:03

EDITORIALE SUGONI EL SHAARAWY GUARIN MARCHISIO INCEDIBILI NON-INCEDIBILI / MILANO - Incedibili di nome, ma non di fatto. Perché in questo mercato tutti (o quasi) hanno un prezzo. Di certo – da almeno 48 ore – ufficialmente ce l’ha anche Stefan El Shaarawy. Lo ha fatto sapere direttamente Galliani dalla crociera rossonera. Bisogna solo quantificarlo. 35-40 milioni potrebbe essere quello giusto. Poche, pochissime – ovviamente - le squadre a poterselo permettere. E poi - una volta trovato l’accordo con il Milan - bisognerebbe anche convincere il giocatore che vuole restare in rossonero. Di certo ha chiesto informazioni il City e chissà magari un’offerta potrebbe farla anche il Napoli, ma solo dopo avere venduto Cavani. Un altro che un cartellino con il costo ce lo ha appeso alla maglia da tempo. Da quando è stata fissata la clausola da 63 milioni di euro. Quella clausola che, per ora, nessuno (nemmeno il Chelsea che pure lo vorrebbe a tutti i costi) sembra disposto a pagare. Clausola che non esiste per Guarin. Uno che rimarrebbe volentieri all’Inter. Uno che l’Inter terrebbe altrettanto volentieri. Ma uno che in realtà, se arrivasse l’offerta giusta, finirebbe per partire. I soldi proposti dal Tottenham del suo ex allenatore Villas-Boas (20 milioni) finora non sono bastati, ma un ulteriore rilancio potrebbe anche essere sufficiente. In fondo da lui (e magari da Ranocchia) potrebbero arrivare i soldi per Osvaldo. Grande desiderio di Mazzarri. A Roma non è un incedibile nemmeno a parole. Ma costa comunque tanto. 18-20 milioni. Troppi per questa Inter. A Roma, lista degli incedibili-non-incedibili gli fanno compagnia in molti. De Rossi (occhio sempre al Chelsea), Pjanic e Marquinhos. Uno dei più desiderati, che però diventerebbe cedibile solo per un’offerta fuori mercato. Su di loro comunque ora deciderà Rudi Garcia. Antonio Conte ha già deciso i suoi di incedibili invece (Vidal e Pogba). Tutti gli altri non sono sul mercato, ma sono giocatori a cui si può arrivare. Anche a quel Marchisio che fosse per lui resterebbe juventino a vita, ma che – se arrivasse qualcuno con un assegno da 30 milioni per il club – rischia di doversi sfilare quella che è la sua maglia da sempre. Perché per gli incedibili-non-incedibili è così. A renderli intoccabili è quasi sempre il prezzo, che però esiste, così come la possibilità da pezzi di storia del presente, diventino pezzi di storia del passato. Quello che potrà accadere ad Ogbonna a Torino (anzi, se finisse alla Juve diventerebbe un rivale del futuro), e soprattutto a Jovetic a Firenze. La promessa strappata alla Fiorentina (sarai ceduto per un’offerta da 30 milioni) lo ha fatto entrare sul mercato da subito. Ma la fermezza dei viola (non rinunciare ad un euro della clausola) finora lo ha reso più incedibile di tanti altri...




Commenta con Facebook