• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > Calciomercato, fatturati, spettatori, ingaggi e ricavi: i dati dei campionati europei

Calciomercato, fatturati, spettatori, ingaggi e ricavi: i dati dei campionati europei

La Premier e' il torneo con il giro d'affari piu' ampio, la serie A ha il piu' alto rapporto costo dei tesserati/ricavi


1 di 3
Manchester United (Getty Images)
Lo studio della Deloitte
Lo studio della Deloitte
Santa Colella

10/06/2013 12:51

CALCIOMERCATO FATTURATI SPETTATORI INGAGGI E RICAVI: I DATI DEI CAMPIONATI EUROPEI / ROMA - L'industria del calcio europeo si ‘difende’ dalla crisi. I ricavi del calcio nel vecchio continente nel 2012 infatti hanno raggiunto quota 19,4 miliardi di euro con un incremento dell'11% rispetto alla stagione precedente. La Premier League si conferma prima dei cinque maggiori campionati d’Europa; con 2,9 miliardi di euro é il torneo con il giro d'affari più ampio. La Bundesliga invece è il campionato più redditizio con 190 milioni di utili operativi. La Serie A ha il più alto rapporto costo dei tesserati/ricavi (75%), ricavi sbilanciati sul broadcasting (59%), introiti da stadio legati al matchday ancorati al 12%. Sono questi alcuni dei dati della 12esima edizione della ricerca Deloitte 'Annual Review of Football Finance 2013'.

I FATTURATI IN EUROPA - I ricavi commerciali sono cresciuti del 15% superando per la prima volta i 3 miliardi di euro e rappresentano il 33% dei ricavi complessivi delle 'big five', i cinque maggiori campionati europei. Nonostante questa crescita, la maggior fonte di ricavo si conferma derivare dai diritti televisivi che, rappresentando circa il 47% dei ricavi complessivi, hanno superato i 4,3 miliardi di euro. Registra invece la più bassa crescita la voce ricavi derivanti dalla vendita dei biglietti d’ingresso allo stadio: nella stagione 2011/12 hanno raggiunto 1,9 miliardi di euro (+5%) e rappresentano solo il 20% dei ricavi dei cinque principali campionati.

I CAMPIONATI - La Premier League continua a essere il primo campionato nel mondo, generando ricavi pari a 2,90 miliardi con una crescita del 16% nella stagione 2011/12. La Bundesliga, con un incremento di ricavi pari a 126 milioni, segna la crescita assoluta più alta in Europa, raggiungendo 1,90 miliardi di euro di fatturato (+7%) .La Liga ha raggiunto 1,76 miliardi di euro di fatturato segnando una crescita del 3% rispetto al campionato scorso. La Serie A con il suo +1% dei ricavi rispetto alla stagione 2010/11, segna la crescita più bassa delle Top 5 d'Europa. Il fatturato giunge a 1,57 miliardi di euro, confermandosi la quarta lega europea. La Ligue 1 registra la performance più alta in termini percentuali rispetto a tutte gli altri campionati, con una crescita del fatturato del +9% raggiunge i 1,14 miliardi. Traina questa crescita è il Paris-Saint Germain con i suoi 222 milioni di euro di fatturato (+120% rispetto al campionato 2010/11), mentre le restanti 19 società hanno visto ridursi i ricavi aggregati di 25 milioni di euro.

SPETTATORI - La presenza media per partita è aumentata per la Bundesliga (da 42.100 a 44.293) e per la Liga (da 25.792 a 26.050). Nella Ligue 1 è scesa per la quarta stagione consecutiva, mentre la Serie A subisce la più alta caduta con un -7% di presenze medie allo stadio. Al di fuori delle 'big five', lo studio Deloitte mette in evidenza come i campionati emergenti come la Russia (636 milioni di euro), la Turchia (444 milioni) e l'Olanda (434 milioni).

GLI INGAGGI - Gli stipendi complessivi dei cinque campionati principali sono aumentati di 430 milioni di Euro (+8%) superando i 6 miliardi nella stagione 2011/12. La Bundesliga si conferma il campionato con il più basso rapporto stipendi/ricavi (51%), mentre all'Italia spetta il primato negativo (75%). In Spagna questo indicatore raggiunge l'ottimo valore del 47% per Real Madrid e Barcellona, mentre per le altre società della Liga si raggiungono valori di circa il 77%.  In Premier League nel 2012 si sono spesi 2 miliardi in ingaggi (70%) con un incremento del 16% rispetto alla stagione precedente. In Serie A 1,2 miliardi con una crescita del 2%, in Spagna 1,1 miliardi (+3%) per un rapporto medio del 60%, in Germania 1 miliardo (+3%, con un rapporto del 51%) e in Francia 800 milioni (+8%, con un rapporto del 74%).




Commenta con Facebook