• Atalanta
  • Cagliari
  • Cesena
  • Chievo
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Hellas Verona
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Parma
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio, polemica Dotto-Lotito: ecco la versione del giornalista

Lazio, polemica Dotto-Lotito: ecco la versione del giornalista

La 'penna' del 'Corriere dello Sport' ha scritto ieri un articolo in cui attaccava i tifosi laziali e la squadra



06/06/2013 12:50

LAZIO ROMA GIANCARLO DOTTO CLAUDIO LOTITO CORRIERE SPORT / ROMA - Giancarlo Dotto, giornalista del 'Corriere dello Sport', è tornato a parlare del suo articolo di ieri nel quale attaccava la Lazio e i suoi tifosi, articolo che ha scatenato la pronta replica del presidente Claudio Lotito.

Queste le parole della 'penna' del quotidiano romano, a 'Radio Manà Manà': "Tutto è nato come un gioco tra me e Franco Melli. Quando sollevi una polemica del genere la questione non è tanto quella di ricevere degli insulti quanto quella di essere stato frainteso. E' chiaro che quando una persona scrive un articolo e quell'articolo viene frainteso le colpe sono sempre da dividere tra chi scrive e chi legge. C'era un tentativo di giocare su un paradosso che tra l'altro mi viene raccontato dagli stessi tifosi della Lazio, molti dei quali miei cari amici".

"Quello che sostenevo nell'articolo - prosegue Dotto - riguardava l' incapacità dei laziali di non celebrare le vittorie fino in fondo, come se mancasse sempre qualcosa. Se avesse vinto la Roma avremmo avuto una città piena di bandiere e in preda ad eccessi di ogni tipo, anche volgari magari. E' una questione di stile, sobrietà e di un modo aristocratico di essere tifosi. Tra le altre cose nell' articolo elogio il lavoro svolto da Lotito e Tare e in nessun modo le imprese della Lazio vengono disconosciute, anzi. Il mio articolo non voleva offendere i tifosi della Lazio".



Commenta con Facebook