• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Spagna > Real Madrid, Mourinho difende Pepe e attacca Ronaldo: "Crede di sapere tutto"

Real Madrid, Mourinho difende Pepe e attacca Ronaldo: "Crede di sapere tutto"

Il tecnico portoghese critica il giocatore per la sua eccessiva presunzione tattica


Mou e Ronaldo (Getty Images)
Andrea Branco

05/06/2013 11:08

REAL MADRID INTERVISTA MOURINHO CRITICHE RONALDO / MADRID (Spagna) - L'ultimo saluto di Mourinho. In un'intervista a 'Punto Pelota', il tecnico portoghese traccia un bilancio della sua esperienza a Madrid non senza risparmiarsi una frecciatina a Cristiano Ronaldo.

CRISTIANO RONALDO - "Con me ha fatto tre stagioni fantastiche. L'unico problema che ho avuto con lui sono state le critiche dal punto di vista tattico: ho cercato di migliorare quello che a mio parere poteva migliorare. Ma lui non l'ha presa bene forse perché pensa di sapere tutto, invece un allenatore può aiutarti a crescere".

PEPE - "Tutta le persone lo volevano fuori dalla squadra, lo chiamavano assasino. Io dico che è un giocatore fantastico".

REAL MADRID - "Sono fiero di essere stato al Real, sono arrivato nel miglior momento della mia carriera perché pensavo che la mia carriera non avrebbe avuto senso se non avessi allenato un club così grande. La cosa migliore per i giocatori era che andassi via ma non mi pento di nulla, non ne vale la pena. Le polemiche? Sono un allenatore che fa comodo. Con una persona come me gli altri non hanno bisogno di metterci la faccia. Non devo dire grazie a nessuno, ci pagano per giocare, per allenare, per avere una vita sociale compatibile. I club che mi ingaggiano, mi pagano, assolvono ai loro doveri con me e io devo dare tutto, dimenticandomi anche di me stesso, anche danneggiando la mia immagine. I fischi? Sono frutto di una campagna ben preparata da parte dei media, che ha avuto successo grazie alla mancanza di etica. Ci sono giornalisti che hanno perso la dignità professionale con le critiche che hanno fatto. Rispetto chi mi critica e chi non è stato d'accordo con mie molte decisioni però, come diceva Sinatra, ho fatto tutto a modo mio e sono fiero di aver conquistato tutti e tre i titoli in palio in Spagna".

 




Commenta con Facebook