• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > News > Europei Under 21, la presentazione delle squadre: quanta qualita' nel girone B

Europei Under 21, la presentazione delle squadre: quanta qualita' nel girone B

Nel raggruppamento ci sono Germania, Olanda e Spagna. Occhio anche all'Inghilterra nel girone dell'Italia


Holtby in allenamento (Getty Images)
Hervé Sacchi

04/06/2013 13:23

EUROPEI UNDER 21 PRESENTAZIONE SQUADRE GERMANIA OLANDA SPAGNA INGHILTERRA / ROMA - Tra poco più di ventiquattro ore prenderà il via il campionato europeo riservato alle Nazionali Under 21. Un torneo che propone non solo di lanciare giovani di belle speranze ma anche di confermare quanto di buono fatto vedere dagli stessi giocatori con le rispettive squadre di club. Diversamente dal passato, anche le migliori squadre europee hanno già proposto in prima squadra i loro migliori talenti. In questo Europeo, sarà facile incontrare gente come Isco e Thiago Alcantara (Spagna), o anche i vari Holtby (Germania), Strootman (Olanda) e Dzagoev (Russia). Tutti questi elementi saranno opposti direttamente nel rispettivo girone. Il gruppo B è sicuramente il più interessante per contenuti e non solo: tra Germania, Olanda e Spagna potrebbe nascondersi la possibile vincitrice del torneo.
L'Italia, inserita nel gruppo A, non può comunque dormire sonni tranquilli. Israele e Norvegia non appaiono come le migliori forze del torneo, ma c'è comunque un'Inghilterra che parte con l'intenzione di fare bottino pieno. Se gli azzurri di Mangia passeranno indenni il primo ostacolo, proprio contro la formazione d'Oltremanica, la prima parte della manifestazione potrebbe essere in discesa. Ma facciamo ora il punto su tutte le altre squadre dell'Europeo.

INGHILTERRA - Attenzione a Stuart Pierce e alla sua banda. C'è un gruppo ben assortito che, in rosa, vanta individualità eccellenti. Benché la sua seconda metà di stagione al Crystal Palace non sia stata propriamente eccellente, Wilfried Zaha è sicuramente uno dei giocatori più osservati del campionato europeo. L'attaccante, comprato a gennaio dal Manchester United per 12 milioni di euro, cerca il riscatto nella manifestazione giovanile. L'Inghilterra può affidarsi ad una spina dorsale che vanta già una discreta esperienza: Jack Butland, nonostante il campionato con il Birmingham City, era il terzo portiere agli Europei di Polonia-Ucraina. Stessa esperienza per il centrocampista del Liverpool, Jordan Henderson. Tra gli uomini chiave si configura anche il difensore del Tottenham, Steven Caulker.
Tra le sorprese, occhio a Tom Ince - figlio di Paul - del quale abbiamo già parlato in passato, e ai vari McEachran e Delfouneso.

ISRAELE - I padroni di casa sono reduci da amichevoli di lusso nel corso di questo 2013 che, tuttavia, non li ha mai visti vincitori. Un pari contro i parietà della Serbia e due sconfitte contro Olanda e Germania danno la dimensione di una squadra che può contare più sul fattore campo che sull'aspetto tecnico-tattico. La manifestazione sarà comunque un'ottima vetrina, considerando che tutti i giocatori, ad eccezione di Omri Altman (Fulham), giocano nel campionato israeliano.
Tra i talenti sui quali riporre maggiore fiducia ci sono Eyal Golasa e Alon Turgeman, rispettivamente centrocampista e attaccante del Maccabi Haifa. Occhio anche a Munas Dabbur, punta del Maccabi Tel Aviv, che si traveste da rapace d'area, specie nei minuti finali. 

NORVEGIA - Anche la Norvegia non se l'è passata benissimo negli ultimi mesi: in cinque gare amichevoli, una vittoria e quattro sconfitte. Non per questo, la formazione scandinava deve essere sottovalutata. Molti degli elementi a disposizione di Tor Ole Skullerud hanno acquisito esperienza al di fuori dei confini nazionali. Parliamo in special modo del difensore Thomas Rogne, in forza al Celtic. Il gigante norvegese ha avuto modo di scendere in campo anche nel primo match di Champions League contro il Benfica. L'esperienza nelle coppe europee viene condivisa anche dai vari Eikrem e Berget del Molde, elementi da monitorare con attenzione. Tra i giocatori che potrebbero fare la differenza, c'è anche Havard Nielsen, attaccante promettente in forza al Red Bull Salisburgo.

GERMANIA - E' sicuramente una delle maggiori candidate al titolo europeo. Tra i convocati c'è anche una conoscenza del calcio italiano, che risponde al nome di Shkodran Mustafi, attualmente in forza alla Sampdoria. Da capire se il blucerchiato sarà titolare già nel primo appuntamento, assieme all'intoccabile Matthias Ginter, elemento di grandissima prospettiva. Dalla cintola in su, la Germania può veramente contare su individualità di grande classe. Ad iniziare da Lewis Holtby, trequartista del Tottenham, passando per Patrick Herrmann (Borussia Moenchengladbach) e Kevin Volland (Hoffenheim). Un mix di quantità e qualità viene garantito, invece, dalla coppia mediana Rudy-Rode già destinati a un futuro nella selezione maggiore.

OLANDA - Il selezionatore Cor Pot avrà a sua disposizione tutti i migliori giovani che l'Eredivisie ha messo in mostra in questa annata. Per ogni reparto c'è veramente l'imbarazzo della scelta. Il nocciolo duro è composto dalle prime tre forze del campionato, quali sono Ajax, Psv Eindhoven e Feyenoord. Il ct olandese dovrà scegliere se affidarsi alla collaudata coppia de Vrij-Martins Indi, titolari nel Feyenoord o se inserire il comunque affidabile Nuytinck (Anderlecht) nella formazione tipo. A centrocampo, capitan Strootman è stato gentilmente concesso alla Nazionale Under 21, della quale è capitano. Il mediano del Psv è già nel giro della selezione maggiore, assieme a Jordan Clasie - che tanto piace alla Fiorentina - e Adam Maher, dell'AZ. Grande talento e dinamismo assicureranno Georginio Wijnaldum (Psv) e Marco van Ginkel, quest'ultimo rivelazione dell'ultimo campionato disputato tra le fila del Vitesse. In avanti, Luuk de Jong (Borussia M'Gladbach) e Ola John (Benfica) sono i terminali offensivi di maggiore affidamento.   

RUSSIA - Tra gli spettatori illustri non mancherà Fabio Capello. L'attuale ct della Nazionale maggiore russa attende buoni riscontri dai giovani a disposizione di Pisarev, anche in vista del prossimo Mondiale in Brasile. Il tecnico italiano conosce già benissimo Alan Dzagoev, trequartista del Cska Mosca, da tempo nel giro della Nazionale A. Lo stesso si dica per Oleg Shatov, centrocampista in forza all'Anzhi. La vetrina europea, invece, sarà dedicata al gioiellino del Real Madrid, Denis Cheryshev. In difesa, si è attinto alle squadre moscovite: a guidare il reparto ci saranno Bryzgalov (Spartak) e Burlak (Lokomotiv), mentre sugli esterni attenzione al 'veterano' Schennikov (Cska) e a Chicherin (Dinamo).

SPAGNA - E' un'altra delle candidate alla vittoria, ulteriore aggiunta in un gruppo B da brividi. L'estremo difensore del Manchester United, de Gea, sarà titolare fra i pali. A costituire il pacchetto difensivo ci saranno sicuramente i due blaugrana Montoya e Bartra, che hanno già maturato esperienza anche in Champions League. Completano l'assetto-tipo Carvajal - reduce dall'esperienza al Bayer Leverkusen ma appena riscattato dal Real Madrid per 6,5 milioni di euro - e Martinez, fresco di piazzamento ai preliminari di Champions League con la Real Sociedad.
Dal centrocampo in sù, come nel caso della Germania, troviamo talenti di primissimo livello. Ad iniziare dal catalano Thiago Alcantara, passando per Isco e Koke, la 'Roja' possiede elementi di grande affidabilità e di sensibile esperienza maturata nelle coppe europee. Dulcis in fundu, il ct Lopetegi non potrà fare a meno del talento di Muniain e Tello. Come riferimento centrale, Rodrigo (Benfica) è il favorito su Morata (Real Madrid) e Alvaro (Getafe).




Commenta con Facebook