• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Vialli avvisa il Bayern: "Ora sono i piu' forti, ma Conte..."

Juventus, Vialli avvisa il Bayern: "Ora sono i piu' forti, ma Conte..."

L'ex capitano bianconero: "Antonio ha le idee chiare, i dirigenti lo supporteranno"



28/05/2013 10:00

CALCIOMERCATO JUVENTUS BAYERN MONACO CONTE VIALLI / TORINO - Gianluca Vialli è sicuro: la la Juventus del prossimo anno potrà fare la voce grossa anche in Europa. Oggi la Champions è di proprietà dei tedeschi, ma i bianconeri sono pronti a raccogliere il guanto di sfida. "La Juve adesso va con il pilota automatico. Con Conte, la società, lo stadio: funziona tutto a meraviglia, è un bell'ingranaggio. - ha detto l'ex capitano bianconero a 'TuttoSport' - I nomi che si fanno, da Higuain a Jovetic, da Ibra a Tevez, sono ok, sono da Juve, di livello internazionale, di classe. Tasselli che possono inserirsi alla perfezione nel puzzle contiano. Dipenderà dai costi, saranno tutti in vendita. Ma Antonio ha le idee chiare, i dirigenti lo supporteranno".

INTER E NAPOLI "Mazzarri è l'uomo giusto per l'Inter, l'hanno scelto a ragion veduta. Ha carisma e qualità, si è rodato per bene a NapoliBenitez in azzurro farà bene, lui è uno stabilizzatore. Sa immedesimarsi in una situazione inedita ed è in grado di prenderne il controllo. Napoli è un ambiente particolare, meraviglioso, dove servono persone così".

CALCIO TEDESCO "Nel calcio esistono i cicli. Ci sono stati gli spagnoli, gli inglesi, ci siamo stati noi. Adesso tocca a loro, i più forti. Sono riusciti a far combaciare le varie fasi della programmazione: vivai, impianti, pubblico educato e coltivato, bilanci in ordine, ricavi super. Sono stati lungimiranti e il divario si vede. I tedeschi sono tosti e sanno interpretare magnificamente il 4-2-3-1 che a loro calza a pennello. In Italia però siamo maestri sulla tattica, mentre loro hanno seguito un'unica strada. Se in Serie A ti soffermi solo su un sistema, sei fregato".

 

M.D.F.




Commenta con Facebook