• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Calciomercato Roma, Baldini: "Allegri? Molti allenatori ci cercano". E su Totti e De Rossi

Calciomercato Roma, Baldini: "Allegri? Molti allenatori ci cercano". E su Totti e De Rossi...

Il direttore generale giallorosso ha parlato del prossimo allenatore e non solo


Massimiliano Allegri (Getty Images)
Stefano D'Alessio (@SDAlessio)

24/05/2013 17:41

CALCIOMERCATO ROMA BALDINI ALLEGRI ALLENATORE TOTTI / ROMA - Franco Baldini, direttore generale della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni al 'Tg1':

ALLENATORE - "Andreazzoli è sempre stato percepito come una soluzione temporanea. Ha fatto un gran lavoro, non solo in termini di punti, ma soprattutto ha cambiato l'andazzo. Abbiamo sempre voluto considerarlo come un possibile allenatore per la prossima stagione e siamo ancora allo stesso punto. La Roma ha in testa il nome di Allegri? Per carità, come il nome di altri allenatori. La Roma è stata cercata da tanti allenatori perchè questi tecnici pensano che la squadra abbiano un potenziale importante. Anche Allegri ha manifestato più volte l'apprezzamento e la stima per la rosa della Roma".

FUTURO - "Nella vita non si può escludere nulla, ma non c'entra la felicità, è solo calcio: non ero ancora arrivato e già si diceva che andavo via. Questo è il calcio, ci sono i risultati. Io me ne sono sempre ritenuto responsabile, prima di tutto delle scelte dei collaboratori, Fenucci e Sabatini. A fine stagione si fa il bilancio e la stagione finisce domenica. Mai detto voglio andare o restare. Mi sembra inopportuno parlare di questo prima della Coppa Italia. Mi chiedono se sono felice a Roma, ma in questo momento la felicità è garantire la cena ai propri figli. Non capisco come si possa parlare della felicità di Baldini o di De Rossi...".

GESTIONE - "Sono deluso non tanto dai risultati, perchè abbiamo ottenuto molto come valorizzazione dei giocatori. Non siamo stati capaci di inviare il giusto messaggio. Questa società doveva attuare un cambiamento radicale, dovevamo far capire che stavamo costruendo. La crescita c'è stata e lo dimostra anche l'atteggiamento dei tifosi, che ci hanno dato un appoggio incondizionato. Le contestazioni sono state minime e persino educate. Sono deluso perchè non siamo riusciti a dialogare con i media nella maniera giusta, forse per colpe anche nostre. Non abbiamo creato un ambiente in cui fosse veramente possibile crescere. La 'mission' iniziale prevedeva il cambiamento della squadra, ora bisogna ottenere i risultati che in questi due anni non sono arrivati. Bisogna competere stabilmente per la Champions League".

EX ALLENATORI - "Ringrazierò sempre il cielo per avere incontrato Luis Enrique, la più bella persona che abbia mai incontrato nel calcio. Ha pagato lo scetticismo iniziale, l'inesperienza e l'aver lasciato fuori Totti, che come sappiamo qui è insopportabile. È arrivato e ha valutato solo l'aspetto fisico, per come è Roma avrebbe dovuto agire diversamente. E gliel'hanno fatta pagare. Zeman? Lo abbiamo scelto perché convinti di proporre spettacolo, sapendo che non eravamo pronti per offrire risultati certi. Ci sono state colpe e responsabilità da parte di tutti, io sono più per la ricerca delle soluzioni che per l'individuazione dei responsabili. La colpa è tutta nostra? Va bene, è tutta nostra. Pazienza".

TOTTI - "L'epiteto 'pigro'?Sono pentito per la chiave interpretativa che è stata data alla frase e per gli effetti che queste parole hanno prodotto. Era un'esortazione, un atto d'amore e non una critica. Totti può fare la differenza a 360 gradi, non solo con le qualità tecniche".

DE ROSSI - "Il suo futuro è con la Roma. Ha avuto problemi fisici e di relazione con Zeman, questo ha contribuito ad una stagione tormentata. Quando ha recuperato il posto, ha avuto problemi fisici. Se ritroviamo De Rossi al 70-80% del potenziale espresso qualche anno fa, abbiamo un gicoatore che può fare la differenza".




Commenta con Facebook