• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Massimo Oddo su Allegri, Seedorf e Maldini

Massimo Oddo su Allegri, Seedorf e Maldini

Calciomercato.it ha intervistato l'ex esterno rossonero che ha parlato anche del probabile ritorno nel club di via Turati di Paolo Maldini come dirigente


Allegri e Seedorf (Calciomercato.it)
Federico Scarponi

23/05/2013 16:11

CALCIOMERCATO MILAN ESCLUSIVO ODDO ALLEGRI SEEDORF MALDINI / MILANO - Ormai è cosa nota: Massimiliano Allegri è sempre più lontano dalla panchina del Milan. In pole position per prenderne il posto, resta sempre Clarence Seedorf, ora in forza al Botafogo.
Calciomercato.it ha parlato di questa situazione con l'ex rossonero, Massimo Oddo, che ha conosce bene i diretti interessati avendo avuto modo di lavorarci insieme.

ALLEGRI - "Allegri ha fatto sicuramente bene al Milan, anche quest'anno - ha esordito Oddo in esclusiva alla redazione di Calciomercato.it - Era prevedibile una partenza balbettante dopo la cessione di alcuni giocatori fondamentali come Ibrahimovic e Thiago Silva. Ma il tecnico livornese è stato bravo a ridare equilibrio alla squadra. E' difficile dire se sarebbe stato più giusto proseguire con lui in panchina. La scelta di un allenatore è subordinata a tutta una serie di fattori, come ad esempio il rapporto con la dirigenza e con i calciatori. Fattori che solo chi è al di dentro può valutare. Per quel che si è visto in campo comunque, il giudizio non può che essere positivo".

A VOLTE RITORNANO: SEEDORF E MALDINI - "Non so se quella di Seedorf possa essere la scelta giusta perché non ha mai allenato finora e sta ancora giocando - ha sottolineato in esclusiva ai nostri microfoni Oddo - Una delle qualità che però deve sicuramente avere un allenatore è una spiccata personalità e il carisma necessario per guidare un gruppo. E conoscendo bene Clarence, so per certo che da calciatore tutte queste caratteristiche le aveva. Dunque, i presupposti perché diventi un buon tecnico, ci sono tutti. Il ritorno di Paolo? Ai grandi campioni che hanno contribuito in maniera decisiva a fare la storia di un club credo vada riconosciuto un merito. Sono senz'altro favorevole ad un suo ritorno da dirigente nel Milan: starà poi a lui - a prescindere da quello di importante che ha fatto in carriera - dimostrare di essere all'altezza del compito che dovrà andare a svolgere".

CLICCA QUI PER LEGGERE L'INTERVISTA ESCLUSIVA CON L'AGENTE DI CLARENCE SEEDORF




Commenta con Facebook