• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Palermo > Mercato Palermo, il conflitto interiore di Sannino

Mercato Palermo, il conflitto interiore di Sannino

Il tecnico deve ancora sciogliere le riserve legate alla sua permanenza sulla panchina rosanero.


Giuseppe Sannino(Getty Images)
Giorgio Elia

20/05/2013 10:34

 

MERCATO PALERMO IL FUTURO DI SANNINO/PALERMO – “Io voglio fare l’allenatore”. Quasi un grido quello che si è alzato dalla sala stampa dello stadio ‘Renzo Barbera’, adibita per l’ultima volta nella serata di ieri a teatro dove ospitare le considerazioni dei protagonisti di un match di serie A. E’ quasi un appello quello del tecnico del Palermo Giuseppe Sannino dal viso provato al termine della partita con il Parma, per quella che potrebbe esser stata la sua ultima apparizione sulla panchina rosanero. Mai come in questa occasione  però il condizionale è d’obbligo per un allenatore vincolato al Palermo più per ragioni di cuore che da quell’ulteriore anno di contratto per il quale la sua conferma sarebbe quasi automatica. 

Già il cuore quell’organo che ha portato Sannino ad innamorarsi follemente di una piazza stregata dalla sua grande voglia di rosanero, ma soprattutto dalla sua serietà e capacità di non arrendersi mai non lesinando energie fisiche e mentali. Il tecnico di Ottaviano confermatissimo a mezzo stampa dal patron Zamparini vive però un conflitto interiore attorno al quale ruotano tutti i dubbi legati alla sua permanenza alla guida del club di viale del Fante. Sannino sarebbe infatti alla ricerca di garanzie sulla sua figura e sulle possibilità di portare avanti il suo lavoro con costanza, scongiurando una possibile ripetizione dello scenario maturato questa stagione che lo ha visto fuori dei giochi dopo sole tre giornate salvo poi esser richiamato a dieci dalla fine.

Un messaggio del resto chiaro emerso tra le righe ieri quando lo stesso tecnico nella conferenza del dopo partita con il Parma, si è detto preoccupato per quella che potrebbe esser la gestione dei ‘momenti meno belli’ in un campionato insidioso come quello di serie B.  Ancora più degli aspetti di natura tecnica legati a un organico che dovrà comunque esser rifondato, tutto ruota attorno alle garanzie che Zamparini riuscirà a dare al tecnico, con il quale un incontro decisivo potrebbe avvenire già nella giornata di mercoledi.

La voglia inesauribile di lavoro sul campo e di regalare gioie alla tifoseria rosanero avrebbe portato Sannino a partire già nella giornata di oggi per il ritiro  di preparazione della prossima stagione. Adesso la palla passa al patron Zamparini il quale a più riprese ha manifestato il suo rammarico per aver cacciato il tecnico in avviio di campionato, tramutando in fatti una difesa fatta sin quisolo a parole.

 




Commenta con Facebook