• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI ATALANTA-CHIEVO

PAGELLE E TABELLINO DI ATALANTA-CHIEVO

Thereau ancora decisivo. Ai bergamaschi non bastano Giorgi e Stendardo


Thereau (Getty Images)
Valerio Pantone

19/05/2013 17:36

PAGELLE E TABELLINO ATALANTA-CHIEVO VERONA/ BERGAMO – Finisce in parità la sfida dell''Atleti Azzurri d'Italia'. Decisiva la doppietta siglata nel finale da Thereau che per due volte replica al momentaneo vantaggio dei nerazzurri, avanti prima con Stendardo e poi con Giorgi, il migliore dei suoi. Tra gli atalantini delude Denis e soprattutto Polito, colpevole in occasione del primo gol degli ospiti. Da elogiare, invece, la linea verde lanciata nel secondo tempo dal tecnico gialloblu Corini, come Djbil e Da Silva. Da rivedere invece Sampirisi.

 

ATALANTA

 

Polito 5 – Dopo pochi minuti si rende protagonista di un’uscita piuttosto avventata. Non impeccabile anche in occasione del gol del pareggio di Thereau.

Capelli 6,5 – Colantuono gli offre la possibilità di difendere la fascia da capitano proprio nel giorno del suo rientro in campo dopo il lungo infortunio. Viste le sue condizioni, il contributo supera la sufficienza. Dal 74’ Bellini 5,5 – Il suo ingresso in campo coincide con il ritorno veemente del Chievo. Sicuramente non un portafortuna.

Stendardo 6,5 – Pronti via e alla prima occasione sblocca il match siglando il secondo centro stagionale. Molto concetrato in fase difensiva, si conferma il giocatore più affidabile del reparto nerazzurro.

Lucchini 5,5 – La velocità di Stoian gli crea spesso qualche apprensione di troppo.

Giorgi 7 – Uno dei pochi a non essere mentalmente già in vacanza. Lotta con caparbietà su ogni pallone, anche con buoni risultati. Nel finale si guadagna il giusto riconoscimento al suo lavoro, realizzando il momentaneo 2-1.

Carmona 5,5 – Poco brillante nel sostenere la regia di Cigarini, si fa vedere soltanto in rare circostanze con qualche tiro dalla distanza.  

Cigarini 6,5 – Come sempre detta bene i tempi della manovra. Dai suoi piedi passano le occasioni migliori dell’Atalanta e di conseguenza dell’incontro.

Biondini 5,5 – Favorisce le continue sovrapposizioni sulla fascia di Brivio. Non sempre però indovina l’ultimo passaggio per mandare in porta gli attaccanti. Dal 78’ Bonaventura 6 – Riceve l’applauso del suo pubblico per la chiamata in Nazionale di Prandelli. Non riesce però ad incidere più di tanto sull’esito finale del match.

Brivio 6 – Spinge con una certa regolarità sull’out di sinistra, sfornando cross interessanti per i due attaccanti.

De Luca 5,5 – La troppa voglia di mettersi in mostra gli impedisce spesso di avere la lucidità necessaria di trovare la giocata giusta negli ultimi venti metri. Un problema muscolare lo costringe ad abbandonare anzitempo il terreno di gioco. Dal 35’ Livaja 6,5 – Decisamente più pericoloso dell’ex attaccante del Varese, ad inizio ripresa manca il gol davanti a Squizzi, al termine di una bella iniziativa personale. 

Denis 5,5 – Ha poche chance a disposizione per aumentare il suo bottino personale in termini realizzativi. In due circostanze però non punge sotto porta con la cattiveria necessaria.   

All. Colantuono 5,5 – Voleva una vittoria per chiudere in bellezza una stagione comunque positiva, e la vittoria però non è arrivata. Come è spesso successo in questo campionato i bergamaschi giocano bene ma spesso vengono puniti nel finale. Un problema forse mentale che il tecnico romano dovrà correggere in vista della prossima stagione.

CHIEVO

Squizzi 5,5 – Non perfetto sull’angolo dal quale nasce il vantaggio dei padroni di casa. Si riscatta però alla grande sventando il tiro ravvicinato di Livaja che sarebbe valso il 2-0 dell’Atalanta. Nel finale però vanifica tutto facendosi sorprendere dalla conclusione non irresistibile di Giorgi.

Sampirisi 5 – Impacciato quando è chiamato a salire sulla fascia destra, risulta impreciso anche nei passaggi più semplici. Dal 45’ Sardo 6,5 – Ha subito un ottimo impatto con il match, come dimostra ad inizio ripresa anche la conclusione insidiosa che sfiora la porta di Polito.   

Papp 6,5 – Ordinato ed attento nel raddoppio su Denis, si conferma una buona alternativa per il solido pacchetto difensivo a disposizione di Corini.

Cesar 6 – Comanda bene il pacchetto arretrato clivense, controllando a dovere il pericolo numero uno Denis. Dal 70’ Da Silva 6,5 – La sua freschezza risulta un’arma decisiva negli ultimi venti minuti dell’incontro. Un’altra scommessa futura interessante dello straordinario laboratorio di talenti del Chievo.

Farkas 6,5 – Buona la prima da titolare in campionato del difensore slovacco. Si prende pochi rischi e sbriglia bene un paio di situazioni pericolose.

Dramè 5,5 – Poco intraprendente rispetto ad altre occasioni, complice anche la lenta manovra della sua squadra.

Djbil 6,5 – Paga inizialmente l’emozione dell’esordio in Serie A. Con il passare dei minuti, tuttavia, il giovanissimmo centrocampista classe 1994 lascia intravedere di possedere interessanti prospettive future.

Cofie 6 – Meglio in fase di interdizione che in fase d’impostazione dove risulta spesso troppo macchinoso e prevedibile.

Vacek 6,5 – Cerca spesso di inserirsi tra le due punte per creare la superiorià numerica in attacco. Gli effetti però non sono quelli sperati. Il ritmo blando della partita, inoltre, non lo agevola. Dal 74’ Sowe 6 – Mette subito in difficoltà la difesa di casa con un paio di sortite offensive niente male. Avrebbe anche la possibilità di andare a segno, ma fallisce per pochissimo il bersaglio.

Stoian 6,5 – Si muove molto nel primo tempo ma spesso a vuoto. Nella ripresa appare chiuso nella morsa della difesa bergamasca, ed invece ad un quarto d’ora dal termine indovina l’assist vincente per l’1-1 di Thereau.

Thereau 7,5 – Continua a stupire di giornata in giornata l’attaccante francese. Aiuta la squadra, rifinisce e da quest’anno è a tutti gli effetti un vero bomber dell’area di rigore. Lo conferma anche oggi con una doppietta che gli consente di raggiungere con merito il traguardo delle 11 reti in campionato. Rivelazione.

All. Corini 7 – Una squadra compatta, ricca di giovani di talento e soprattutto che non molla mai. Sono questi i principali meriti del tecnico gialloblu, artefice della salvezza mai in discussione dei clivensi. Anche oggi i cambi indovinati hanno permesso al Chievo di uscire indenne da Bergamo nonostante le tante defezioni.

Arbitro La Penna – All’esordio in Serie A, dimostra di avere subito una buona personalità. Nonostante la posta in palio della partita non sia altissima, non si fa pregare nella distribuzione dei cartellini gialli. Al 59esimo corretta la decisione di annullare per fuorigioco il gol di Livaja.

 

TABELLINO

ATALANTA-CHIEVO 2-2

ATALANTA (3-5-2): Polito; Capelli (dal 74’ Bellini), Stendardo, Lucchini; Giorgi, Carmona, Cigarini, Biondini (dal 78’ Bonaventura), Brivio; Denis, De Luca (dal 35’ Livaja). A disp. Consigli, Scaloni, Radovanovic, Maxi Moralez, Parra, Canini, Del Grosso. All.: Colantuono.

CHIEVO (5-3-2): Squizzi; Sampirisi, Papp (dal 45’ Sardo), Cesar (dal 70’ Da Silva), Farkas, Dramè; Djibi, Cofie, Vacek (dal 74’ Sowe); Stoian, Thereau. A disp: Provedel, Andreolli, Guana, Jokic, Coulibaly, Hauche, Toskic. All.: Corini..

Arbitro: Federico La Penna di Roma

Marcatori: 8’ Stendardo (A), 76’ Thereau (C), 84’ Giorgi (A), 94’ Thereau (C)

Ammoniti: 16’ De Luca (A), 27’ Lucchini (A), 41’ Biondini (A), 55’ Sardo (C), 85’ Stendardo (A)

 




Commenta con Facebook