• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter-Lazio, Stramaccioni: "Ci sono tante cose positive. La contestazione..."

Inter-Lazio, Stramaccioni: "Ci sono tante cose positive. La contestazione..."

Il tecnico nerazzurro parla dopo la sconfitta contro i biancocelesti


Stramaccioni deluso (Getty Images)
Bruno De Santis (twitter: @Bruno_De_Santis)

08/05/2013 23:09

INTER LAZIO STRAMACCIONI / MILANO - Un finale di stagione da dimenticare: l'Inter dice addio anche all'Europa League dopo la sconfitta contro la Lazio. Ai microfoni di 'Sky', Andrea Stramaccioni commenta così il ko contro i biancocelesti: "Commentare una partita così non è facile, abbiamo perso 3-1 una gara in cui meritavamo di fare risultato. Il peccato è come: ci sono stati episodi che capitano raramente, abbiamo perso un altro calciatore, Jonathan, poi il calcio di rigore, il gol di Onazi. In questa partita c'è l'emblema del momento sfortunato. Comunque i ragazzi hanno dato tutto, abbiamo giocato con due ragazzi del '94 in difesa e i tifosi hanno capito il momento. Dal punto di vista del gioco abbiamo fatto un grande passo avanti, facendo sempre la partita per tutti i novanta minuti. Abbiamo dato tutto e credo che il pubblico l'abbia capito. Dobbiamo finire bene, ci sono tante note positive da cui l'Inter deve ripartire. Dobbiamo continuare a giocare così e prima o poi dovrà girare".

ALVAREZ - "Ha fatto una grande partita, è capitato anche ai migliori di scivolare. Handanovic? È uno dei punti di forza dell'Inter: avrà anche sbagliato l'uscita, ma poi la palla sbatte su tre giocatori ed entra dentro". 

CONTESTAZIONE - "Ai tifosi non ho nulla da dire, la loro contestazione civile è legittima, anche perché ci hanno incitato per novanta minuti e applaudito e per questo a loro va fatto un monumento. Abbiamo voglia di ripagarli. Moratti mette tutto quello che ha al servizio della società, è il primo a soffrire e gioire con noi".

 




Commenta con Facebook