• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > PAGELLE E TABELLINO DI BOLOGNA-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI BOLOGNA-NAPOLI

Solo un tempo per i padroni di casa, poi sale in cattedra la squadra di Mazzarri con i suoi campionissimi


Uno splendido Hamsik (Getty Images)
AntonioPapa (Twitter: @antoniopapapapa)

08/05/2013 22:39

PAGELLE E TABELLINO DI BOLOGNA-NAPOLI / BOLOGNA - A fine primo tempo sembrava un'altra partita maledetta per un Napoli che già troppe volte aveva pagato dazio alla nemesi rossoblu. Nella ripresa salgono in cattedra i campioni azzurri ed inizia un'altra partita. Ottimo il raccordo fra i reparti di Mazzarri, per i padroni di casa si salva solo Diamanti

BOLOGNA

Stojanovic 5 - Il gol di Hamsik lo prende sul suo palo, in netto ritardo su Cavani, che travolge ingenuamente quando il Matador si porta via il pallone. E quanti brividi su quel pallone insaccato da Maggio e per sua fortuna annullato. Peccati di gioventù, sicuramente da rivedere. 

Motta 4,5 - Spreca una ripartenza importantissima che poteva portare diventare molto pericolosa, ma la cosa peggiore è che subisce costantemente l'iniziativa di Zuniga, per tutta la partita.

Sorensen 4,5 - Per tutta la partita in balia degli umori dei vari Hamsik, Zuniga, Insigne e chiunque altro passi da quelle parti. Non funziona neanche lontanamente l'intesa con De Carvalho.

De Carvalho 4,5 - Certo che giocare dopo tanto tempo e ritrovarsi a marcare Cavani non è proprio il massimo della vita. Match in continua difficoltà, imbarca acqua da tutte le parti. (Dal 37' st Naldo sv)

Morleo 5 - Dalla sua parte si suda di meno, comunque non lascia il segno.

Perez 5 - Nervosissimo e molto falloso, rischia più di una volta il secondo giallo con falli talvolta utili e talvolta no. Pioli lo toglie per evitargli l'espulsione, che peraltro avrebbe meritato. (Dal 10' st Pazienza 5 - Entra proprio quando la barca sta iniziando ad affondare, ma non è certo colpa sua. Sicuramente avrebbe preferito fare una figura migliore contro gli ex compagni).

Taider 5,5 - Schiacciato nella morsa svizzera si perde anche nelle poche palle che gioca benino, che vengono poi sprecate dai compagni.

Kone 5 - Dopo il doppio era il principale spauracchio dei tifosi del Napoli, in realtà lo si nota soltanto quando lascia il campo per l'altra bestia nera azzurra: (Dal 22' st Moscardelli sv)

Diamanti 6 - Sente la partita in modo particolare e la sente anche il suo piedino maligno, che va a cercare (e trovare) sempre il compagno più libero come solo i geni sanno fare. Peccato che i compagni non accompagnino a dovere la sua azione.

Christodoulopoulos 5,5 - Un paio di ottime sortite nel primo tempo, quando il risultato appare ancora in bilico. Poi si fa trascinare nella mediocrità collettiva.

Gilardino 5,5 - Sfiora il gol in un paio di occasioni, marcato bene dai difensori avversari. Non che gli arrivino troppe palle giocabili, a dire il vero.

All. Pioli 5 - Con il Chievo e con il Bologna aveva dato un bel po' di dispiaceri al Napoli, causando anche la fine del sogno Champions lo scorso anno. Stavolta invece la sua aura non basta, il Bologna è già in vacanza da tempo e dopo una buona resistenza nel primo tempo si affloscia come un soufflè nella ripresa. 

NAPOLI 

De Sanctis 6,5 - Risponde presente nelle rare volte che viene chiamato in causa, stasera non c'era molto da fare per lui.

Rolando 6,5 - Al pronti-via becca una gomitata di Gilardino, poi una pallonata in faccia nel secondo tempo. A parte queste botte si disimpegna molto bene, dimostrando di aver assimilato anche la difesa a tre. Da rivedere con impegni più probanti.

Cannavaro 6,5 - Marcatura stretta, quasi asfissiante su Gilardino. Guida come sempre una difesa praticamente impeccabile.

Britos 6,5 - Ritrova la squadra che l'ha lanciato nel calcio che conta e sfodera una prestazione sicura, senza grosse sbavature. Bene così.

Maggio 6 - In realtà gonfia anche la rete, come non gli accadeva da tempo. L'arbitro però annulla e gli toglie una delle poche gioie dell'ennesima partita giocata bene ma non benissimo, sempre un gradino sotto ai compagni.

Dzemaili 7 - Con i gol a grappoli ha trovato una fiducia nei suoi mezzi che lo porta a tentare anche le cose più difficili. E' invece semplice ma efficacissimo il passaggio che apre ad Hamsik la prateria per lo 0-1. Poi l'ennesimo sigillo col timbro del 3-0. Fatte le debite proporzioni ormai segna quanto un Gerrard qualsiasi.

Behrami 6 - Venti minuti per prendersi a botte con Diamanti ed uscire infortunato, dopo aver messo male la caviglia. Quasi ingiudicabile (Dal 22' Inler 6,5 - Entra a freddo e ci mette un po' per ritrovare le misure, poi però si dà una sistemata e conduce la squadra come sa fare lui)

Zuniga 7 - Particolarmente ispirato, un paio di progressioni irresistibili sulla sinistra mandano in tilt la difesa bolognese. 

Hamsik 7,5 - Il gol gli mancava da un bel po', lo trova proprio nel momento più importante di tutti. Contro la bestia nera, contro gli indecorosi cori dei tifosi avversari, contro gli ultimi scatti rossoneri. E' il gol del secondo posto matematico, ed è poetico che l'abbia segnato proprio lui, autentico simbolo di fedeltà alla maglia e dello spirito di questa squadra. (Dal 33' El Kaddouri sv)

Insigne 6,5 - Un po' in ombra per tutto il primo tempo, il guizzo è quella splendida ripartenza con passaggio filtrante (un po' lunghetto, a dire il vero) che Cavani trasforma in oro, ovvero in rigore. Non è un caso che il suo rendimento cresca proprio quando viene spostato sul centro-sinistra: è quella la sua posizione naturale. (Dal 23' st Pandev sv)

Cavani 7 - Furbo e bravo nel procurarsi e trasformare il rigore che chiude la partita, ottimo nella percussione finalizzata alla perfezione da Dzemaili. Del resto non sarebbe stata festa vera senza l'ospite d'onore.

All. Mazzarri 7 - La ciliegina sulla torta di una stagione strepitosa la mette sfatando anche l'ultimo tabù. A casa Pioli e quei brutti fantasmi del passato, a casa il Milan e la sua rincorsa, a casa i detrattori. Il Napoli è la seconda forza del campionato, ora è ufficiale. Che vada via o resti le imprese di questi anni non saranno mai dimenticate. Complimenti a chi ha contribuito a far tornare grande una squadra e una città che meritano la posizione attuale, non certo le vicissitudini del periodo buio.

Arbitro Massa 6 - Vede bene sul rigore non concesso ad Hamsik, che cade praticamente da solo. Vede bene anche sul fallo a Cavani, ma onestamente sarebbe stato difficile sbagliare. Severo nella gestione dei cartellini, ma vista la durezza della partita andava bene così. 

 

BOLOGNA-NAPOLI 0-3

 

Bologna (4-2-3-1): Stojanovic; Motta, Sorensen, Carvalho (82' Naldo), Morleo; Perez (55' Pazienza), Taider; Kone (66' Moscardelli), Diamanti, Christodoulopoulos; Gilardino.
A disp.: Agliardi, Krhin, Natali, Abero, Garics, Riverola, Pasquato, Gabbiadini. All.: Pioli

Napoli (3-4-1-2): De Sanctis; Rolando, Cannavaro, Britos; Maggio, Behrami (22' Inler), Dzemaili, Zuniga; Hamsik (78' El Kaddouri); Cavani, Insigne (69' Pandev).
A disp.: Rosati, Colombo, Grava, Gamberini, Mesto, Donadel, Armero, Calaiò. All.: Mazzarri

Arbitro:Massa

Marcatori: 53' Hamsik, 63' Cavani 67' Dzemaili (N)

Ammoniti:Motta, Kone, Gilardino, Diamanti (B), Dzemaili, Britos (N)

 




Commenta con Facebook