• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Estero > Calciomercato Manchester United: da Moyes a Mourinho, ecco i candidati per post Ferguson

Calciomercato Manchester United: da Moyes a Mourinho, ecco i candidati per post Ferguson

Due allenatori in testa, ma non sara' facile per il club fare la scelta finale


David Moyes e Sir Alex Ferguson (Getty Images)
Hervé Sacchi

08/05/2013 11:44

CALCIOMERCATO MANCHESTER UNITED FERGUSON MOYES MOURINHO OUTSIDER / MANCHESTER (Gran Bretagna) - Pensare di dover andare alla ricerca di un allenatore non è una consuetudine sulla sponda United di Manchester. I ventisette anni di gestione Ferguson hanno, in questo senso, evitato di doversi trovare a fare conti, a tenere colloqui e visionare chi possa essere l'uomo giusto a cui affidare un progetto serio e ambizioso. Tali ricerche prenderanno, invece, il via ufficiale nelle prossime ore. Chi sarà il sostituto di Sir Alex, dunque? Sono tanti i nomi al vaglio, anche se pochi sono quelli definibili effettivamente 'papabili'.

MOYES PIU' DI MOU - Il maggior candidato per la panchina dei Red Devils è David Moyes. Il manager scozzese è attualmente impegnato sulla panchina dell'Everton. Lui è responsabile dell'area tecnica del club di Liverpool dal 2002. Ha sicuramente una grande esperienza, certificabile anche dai piazzamenti di un Everton, sempre ad alti livelli pur non vantando un budget da top team. Già nelle ultime ore, la stampa inglese aveva ventilato un possibile approdo di Moyes allo United, in qualità di assistente di Ferguson, come a prepararlo per un futuro già scritto. Tale pagina, tuttavia, potrebbe già essere all'ordine del giorno. Ferguson spingerà per Moyes, in attesa che la dirigenza valuti ulteriori candidati. Appare comunque scontato che l'allenatore in carica dal 1986 abbia più di un semplice voto in questa particolare 'elezione'.
L'altra possibilità parallelamente concreta è quella che porta a José Mourinho. Il portoghese, sia prima del passaggio al Real che durante i suoi primi mesi di esperienza a Madrid, è sempre stato indicato come un possibile successore di Sir Alex sulla panchina dello United. Pareva, oltretutto, che ci fosse il beneplacito dello stesso manager scozzese. Il rapporto si è brutalmente incrinato in seguito alla partita di ritorno degli ottavi di finale: al termine del successo per 2-1 all'Old Trafford, lo 'Special One' dichiarò che la partita era stata vinta dalla squadra migliore.
 
OUTSIDER
- Il ballottaggio sembra piuttosto designato, ma in corsa ci sono diversi outsider. Gente che fa parte della 'scuderia' Ferguson, in particolare ex giocatori che sul campo hanno maturato competenze, esperienza e vittorie. Ole Gunnar Solskjaer, a tal proposito, era stato accostato alla panchina dello United, un po' di tempo fa. Il norvegese è attualmente impegnato alla guida del Molde e resta difficile il suo possibile trasferimento. Suggestive sono sicuramente le piste che portano al duo Giggs-Scholes, come anche i vari Roy Keane e Gary Neville. Resta più concreta l'ipotesi Mark Hughes, ex giocatore proprio del Manchester United, attualmente libero dopo essere stato esonerato dal Qpr. Dietro l'angolo ci sono anche i nomi di Jurgen Klopp e Jupp Heynckes, ma un altro nome che non è, tuttavia, da scartare a prescindere è quello di Antonio Conte.

CONTE, SI PUO' FARE? - Dopo i due titoli nazionali vinti in bianconero, l'allenatore pluriscudettato potrebbe intraprendere anche un'esperienza lontano dai confini nazionali. La panchina dello United è prestigiosa e, qualora da Manchester chiedessero informazioni, le possibilità di permanenza a Torino potrebbero ridursi. Da capire, semmai, se Conte sia pronto per il ruolo di manager all'inglese. Ciò che è certo è che il club potrebbe offrirgli un ricco budget, per preparare una nuova stagione in cui l'obiettivo primario sarà la Champions League.




Commenta con Facebook