• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Claudio Pasqualin su Sebastian Giovinco

Claudio Pasqualin su Sebastian Giovinco

Calciomercato.it ha intervistato l'avvocato Claudio Pasqualin, procuratore della 'Formica Atomica'


Giovinco festeggia con i compagni (Getty Images)
Federico Scarponi

06/05/2013 11:50

MERCATO JUVENTUS ESCLUSIVO AGENTE GIOVINCO / TORINO - Con il successo di ieri sul Palermo, la Juventus ha potuto gioire - davanti al proprio pubblico e con tre giornate di anticipo - per la conquista del suo 29esimo scudetto. Incontenibile la gioia dei calciatori bianconeri che hanno così centrato il secondo titolo stagionale. Protagonista dei festeggiamenti, Sebastian Giovinco, del quale Calciomercato.it ha intervistato in esclusiva il procuratore: l'avvocato Claudio Pasqualin.

LA GIOIA E IL FUTURO - "Ho sentito Sebastian ed era ovviamente strafelice per questo scudetto vinto con grande merito dalla sua Juventus. Le voci sul Napoli sono un'assurdità: è carico più che mai per proseguire questa sua avventura in bianconero. Semmai c'è la prospettiva di prolungare il suo attuale accordo (scadenza giugno 2015, ndr) per un'altra stagione. Ne abbiamo già parlato con la dirigenza e torneremo a farlo più avanti ma senza alcuna fretta".

QUALCHE CRITICA DI TROPPO... - "Fanno parte del gioco le critiche, è normale che ci siano. Da parte nostra, le accettiamo con la massima serenità. Per questo ieri c'è stata soltanto tanta gioia e nessuna amarezza nel festeggiare lo scudetto che va ad aggiungersi alla supercoppa conquistata all'inizio dell'anno. Sono trofei importanti per la Juventus ma anche per il giocatore che può così arricchire il palmares personale. Il nostro giudizio sulla sua stagione è comunque molto positivo: è stato considerato da Conte un titolare e la sua marcia è stata interrotta unicamente per colpa di un infortunio. E' stato inoltre, per un periodo, il capocannoniere di questa squadra, e vista la esigua differenza di reti da chi lo precede, può ancora tornare ad esserlo".

 




Commenta con Facebook